Cerca nel sito

 

Widgets Magazine Widgets Magazine
Home > Comuni > Comuni > Ovaro (UD) > Storia > Le fornaci di Cella

Ovaro - Le fornaci di Cella

di Giorgio De Zorzi

Cella, località del comune di Ovaro, posta a ovest del torrente Degano, è ricca di terreni argillosi. Questa caratteristica venne in passato sfruttata per la produzione di laterizi e di stoviglie.

Nel Settecento si stabilì qui Giovanni Battista Felice, proveniente da Buja, che, forte della tradizione dei fornaciai bujesi, decise di fondare una fornace. La particolare qualità dell'argilla, unita ad una formula particolare degli smalti, fece divenire questa industria un'eccellenza e da allora iniziò una fiorente attività, i cui frutti si possono ancora vedere in tutta la Carnia: le tipiche tegole verdi (ad es. del vicino palazzo Micoli-Toscano) provengono principalmente da qui.

Le stoviglie, proverbiali per la loro resistenza, pur essendo di assai sottili, si diffusero ovunque. Ai Felice poi si affiancò la famiglia Rotter. Il declino di queste attività cominciò negli anni '30 del Novecento per culminare nel dopoguerra, quando queste attività artigianali vennero soppiantate da quelle della pedemontana, organizzate su base industriale.

La fornace di Stefano Felice a Cella venne chiusa nel 1953, ultima di tutta la Carnia. Di queste produzioni a Cella c'è la mostra permanente “Planelas e Scugjelas”, curata dall'omonima associazione.

 

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia di AFIP P.I. 02319940306 - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project