Cerca nel sito

 

 

 

 

Sequals - Chiesetta di San Nicol˛

La chiesa di San Nicolò si trova a Sequals, comune in provincia di Pordenone.

È di origine antica, tanto che Luigi Pognici la indica come risalente al IX secolo. Fu comunque rifatta nel Duecento e venne consacrata il 9 agosto del 1534 dal Vescovo ausiliare di Concordia Sebastiano De Rubeis.

La facciata di stile barocco e preceduta da un portico sorretto da otto colonne, presenta un portale di Antonio Pilacorte (1503 c.) con dodici testine di cherubini scolpiti negli stipiti.

All’interno, sopra la porta si trova una pala raffigurante San Nicolò con San Giuseppe e altri santi, un tempo posta sull’altar maggiore del Pilacorte, sostituito nel 1857 con quello attuale. Ai lati altari dedicati a San Floriano e a San Valentino, raffigurati in due dipinti di Gaspare Narvesa (1601 c.) pregevoli non tanto per le figure ma per i particolari che vivacizzano la composizione: donne con gerle o con culle, buoi all’abbeveratoio e altri aspetti tipici della vita contadina friulana. Citati sullo sfondo del quadro dedicato a San Floriano anche il miracolo dell’acqua che disseta i buoi e il trasporto del corpo del santo da parte di Valeria.

Alle pareti troviamo inoltre dei medaglioni, provenienti dalla chiesa degli Agostiniani di Venezia ed acquistati dagli eredi Carnera. L’altare maggiore settecentesco proviene da Venezia per la parte superiore, mentre il paliotto della mensa, riccamente ornato, è opera di Pietro Mora da Sequals.

Un attento restauro effettuato dopo il terremoto del 1976, ha riportato alla luce nella volta dell’abside un ciclo di affreschi di Marco Tiussi da Spilimbergo, firmati e datati 1567. Furono fatti intonacare dopo i lavori di ampliamento del 1847. Raffiguranti varie sante martiri, si riconoscono: Agnese, Barbara, Caterina d’Alessandria, Dorotea.

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project