Cerca nel sito

 

Roveredo in Piano (PN)

Storia di Roveredo in Piano

Sino al 1797, caduta della Repubblica di Venezia, il territorio di Roveredo, comune in provincia di Pordenone il cui nome deriva dal latino roboretum “querceto”, era soggetto ai conti di Porcia e Brugnera. Essi amministravamo la giurisdizione civile e criminale e all’uopo, emanavano proclami e statuti.

A cominciare dal giorno di S. Agnese (21 gennaio) si alternavano un anno l’uno e un anno l’altro i due colonnelli di Sopra e di Sotto la cui illustre casata era sta divisa fin dal sec. XIII.

Nel 1499 i Turchi si accamparono dal 30 settembre al 3 ottobre in questi luoghi creando notevoli disastri saccheggiando e bruciando le ville del Friuli fra cui Rovereto. Fecero anche molti prigionieri.

Dal 1797, seguì al governo di Venezia l’amministrazione Austriaca. Questa si protrasse sino al ricongiungimento con il Regno d’Italia del 1866.

Oggi, Rovereto in Piano vede come attività prevalenti l’agricoltura e l’artigianato, con ottimi risultati. La vicinanza di Pordenone ha favorito la nascita di numerose officine meccaniche ed imprese edili che hanno mutato la vecchia fisionomia rurale del paese.

 

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project