Cerca nel sito

 

 

 

Home > LocalitÓ > Comuni > Pordenone > Storia di Pordenone > Il Patriarcato di Aquileia

 

Pordenone - Il periodo patriarcale

Nel 1029 il Castello (o corte) di Pordenone disponeva di ampio territorio ed Ottone conte di Naun con Bernardo conte di Carinzia, lasciarono i loro possessi a Ottocaro marchese di Stiria. A questi successe il figlio che portava lo stesso nome e che assunse il titolo di duca di Stiria.

Alla sua morte, avvenuta nel 1192 senza che egli avesse discendenti, gli subentrò il suocero Leopoldo V di Bamberga, il Virtuoso, duca di Stiria fino al 1192 e duca d’Austria dal 13 gennaio 1177 fino alla sua morte il 31 ottobre 1194.

Con una bolla da Verona il papa Urbano III il 13 marzo 1186 o 1187 riconosce i vari possedimenti del vescovado di Concordia, tra cui la pieve di Pordenone. Ecclesiasticamente Pordenone spettava alla Cattedra Aquileiese. I Pordenonesi tentarono di sottrarsi a questa dipendenza chiedendo aiuto ai Trevigiani. (1202) che, con le loro schiere, sconfissero il patriarca Pellegrino II quando questi aveva cercato di impossessarsi di Pordenone.

Nonostante le promesse di pace i Pordenonesi non si sentivano sicuri ed allora si legarono di nuovo con potenti feudatari ai danni del Patriarcato. Per riaffermare i propri diritti sul territorio, il patriarca Bertoldo di Andechs conquistò Pordenone, la saccheggiò e la diede alle fiamme, distruggendo le case e il porto. Tuttavia questo non fu sufficiente. Pordenone riuscì a rimettersi in piedi celermente e si sottomise a Treviso (1221).

In base ai patti conclusi, sarebbe dovuta subentrare la Cattedra Aquileiese, ma nuove questioni sorsero a complicare la situazione. Così troviamo il nunzio del duca d’Austria, Federico di Caporiacco, che affida il governo ad Artico di Castello e Tarcento.

Nel 1232 a Pordenone vi soggiornò l’imperatore Federico II della Casa Sveva, dove tenne dieta solenne e dove si presentò, dopo numerosi inviti anche Federico II di Babenberg, duca d’Austria, detto il bellicoso. L’imperatore poi, il 20 maggio, parti per la Puglia; questo fatto dimostra l’importanza che la località stava assumendo.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

<<PRECEDENTE                                                                                         SUCCESSIVA>>

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project