Cerca nel sito

 

 

 

Home > LocalitÓ > Comuni > Sacile (PN) > Arte e Cultura > Monumenti, Chiese e Palazzi > Palazzo Ragazzoni-Flangini-Biglia

 

Sacile - Palazzo Ragazzoni-Flangini-Biglia

Palazzo Ragazzoni-Flangini-Bilia si trova in Piazza del Popolo a Sacile, comune in provincia di Pordenone. Costruito negli anni Settanta del XVI secolo su un precedente edificio quattrocentesco, fu voluto a propra gloria dal ricchissimo mercante veneziano Giacomo Ragazzoni, che aveva fissato la sua dimora a Sacile, in seguito all’investitura del feudo di Sant’Odorico. Venne adibito anche come magazzino delle produzioni agricole provenienti dalle diverse tenute della famiglia.

Ospitò nella sua storia papi, re, imperatori. I proprietari nel 1936 lo donarono al Comune ed in seguito fu restaurato da Domenico Ruppolo. Un’ala del palazzo venne poi abbattuta per consentire l’apertura di Viale Zancanaro.

La facciata che da sulla strada è dominata da una trifora e da una quadrifora. Conserva nel salone degli imperatori affreschi di Francesco Montemezzano (scuola del Veronese) che ha dipinto i potenti del tempo: Maria la Cattolica, Filippo II, Enrico II, Francia, Il doge Venier, e il Gran Visir di Costantinopoli.

Il cortile interno e decorato da sculture della cerchia di Alessandro Vittoria. La cappella gentilizia risale ai secondi proprietari del palazzo, i nobili Flangini, ed è decorata da stucchi del Settecento, firmati dal Sasso. Numerose sono le Case con motivi del Rinascimento e del barocco con splendidi porticati da vedere anche Prà Castel Vecchio con torre e mura del XII sec.

L'imponente edificio si sviluppa con impianto a C lungo le rive del Livenza. Eretto alla fine del XVI secolo, conserva nel salone del piano nobile affreschi cinquecenteschi attribuiti a Francesco Montemezzano e sulla facciata verso il cortile sculture attribuite alla scuola di Alessandro Vittoria.

Il palazzo è oggi sede del Museo Civico e della Biblioteca.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project