Cerca nel sito

 

 

 

 

Moruzzo - Chiesa di San Tomaso Apostolo

La chiesa di San Tomaso Apostolo si trova in Via Centa 12 a Moruzzo, capoluogo del comune in provincia di Udine. Trae origine dall'antica pieve di Fagagna, da cui si staccò, probabilmente per motivi feudali.

Un antico documento parla dell'esistenza nel 1210 della chiesa di San Tommaso a Moruzzo, cinta da mura assieme ad un villaggio. La pieve è citata nell'elenco della tassazione del Patriarca Bertoldo di Merania già nel 1247.

Nel 1351 il Patriarca Nicolò di Lussemburgo univa la pieve di Moruzzo al Capitolo di Udine, affinché venisse onorata la memoria del suo predecessore Beato Bertrando.

La chiesa attuale che risale al 1645 circa, venne rielaborata tra il 1925-32 e fu gravemente danneggiata dal terremoto del 1976. Nei restauri che seguirono le venne dato, dopo un lungo lavoro, il suo aspetto originale.

Rinascimentale è la facciata divisa da lesene con un portale al centro e due porte ai lati. Il timpano è sostenuto da quattro lesene ed ha un oculo. A fianco un slanciato campanile ottocentesco con un angelo girevole sulla cuspide.

Pilastri ed archi tutto sesto dividono le tre navate interne. Conserva una fonte battesimale della seconda metà dal Cinquecento, oltre a tre bei altari. Quello maggiore è del 1676 contiene un dipinto con “L'incredulità di San Tomaso” di Innocenzo Bugno, risalente ai primi del Seicento.

L'altare della Madonna del Rosario è del 1717 ha quindici tondi con i Misteri del Rosario dorati dal Fantoni e in una cornice una icona raffigurante la Madonna con Bambino e Angeli. Nell'altro altare un gruppo ligneo dell'Ottocento con S. Anna e la Vergine giovinetta, entrambe opere di Luigi Piccini.

Inoltre, Nella chiesa di San Tomaso Apostolo sono presenti due statue lignee di Giacomo Martini raffiguranti Sant'Antonio Abate e S. Giacomo Apostolo, una pala d'altare raffigurante i Ss. Nicolò, Antonio Abate e Giacomo Apostolo di Giovanni Snidero (1639), che nel 1770 venne mal restaurata da Leopoldo Zuccolo il quale vi aggiunse la Madonna con Bambino fra nubi; i confessionali e gli altri arredi sono settecenteschi.

Il campanile della chiesa di San Tomaso Apostolo è coevo ad essa, anche se venne ristrutturato nel 1899 e dopo il terremoto del 1976.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project