Cerca nel sito

 

 

 

Home > LocalitÓ > Comuni > Medea (GO) > Arte e Cultura > Monumenti, Chiese e Palazzi > Chiesa di Santa Maria Assunta

 

Medea - Chiesa di Santa Maria Assunta

La Chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta si trova a Medea, comune in provincia di Gorizia. La prima chiesa venne eretta nel XIII secolo ed in seguito dal 1550 iniziarono diversi lavori di decorazione e completamento esterno, a cui contribuì per una cappella anche il pittore Gaspare Negro, sino alla costruzione del campanile, terminato nel 1658 da mastro Zaneto Donatis.

Nel 1685 venne consacrata da mons. Giacomo Ferdinando Gorizzutti, vescovo di Trieste. In seguito, nel 1717 ci furono altri lavori di decorazione che interessarono l’interno della chiesa. Nel 1843 cominciarono i lavori di ampliamento della Chiesa di Santa Maria Assunta, utilizzando l’area dell’antico cimitero adiacente. Fu allungata la navata costruendo nuovi muri portanti, fu rifatto il presbiterio e aggiunte delle cappelle laterali. I lavori terminarono nel 1862. In questi anni il muratore Vincenzo Saulig fu incaricato della costruzione della sacrestia e della cantoria, alla quale si accedeva con una nuova scala esterna. Per la decorazione e l’arredo delle nuove parti e dell’interno e la risistemazione del fonte battesimale vi lavorarono come artigiani il falegname Giacomo Cabas, il tagliapietre Leonardo Martinis e il fabbro Giuseppe Verzegnassi.

Nel 1925 venne posato un nuovo pavimento e ricostruita la facciata in forma classicheggiante, divisa da in tre parti da quattro massicce lesene e completata nel 1928 con la sistemazione di una statua dell’Assunta in una nicchia sopra il portale. Nel 1975 ci fu un restauro generale.

All’interno, l’imponente altare maggiore in marmi colorati realizzato nel 1717 dall’altarista e scultore Pasquale Lazzarini da Gorizia. Di grande spettacolarità, con mensa a trapezio rovesciato, ed alzata arricchita da piccole figure variopinte di angeli in marmi colorati. Ha ai lati del tabernacolo quatto statue marmoree raffiguranti i santi Barnaba e Urbano, affiancati da due Angeli, opera dello scultore di Gradisca Paolo Zuliani. L’organo è del 1864 e opera di Pietro de Corte.

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project