Cerca nel sito

 

 

 

 

Il Lago dei Tre Comuni

Lago-dei-Tre-Comuni-3331.gif

Il Lago dei “Tre Comuni”, noto anche come Lago di Cavazzo, si trova al confine tra tre comuni: Bordano, Cavazzo Carnico e Trasaghis, in provincia di Udine. Il Lago dei Tre Comuni si trova ad un’altitudine di 195 m, ed è lungo 2,250 km, largo da 400 a 900 metri, con una profondità massima di 40,50 metri. Ha una superficie di 1,18 km² e un perimetro di 6500 m. È il più grande lago della regione. Lo circondano il Monte Festa, il Monte San Simeone, il Faeit, il Naurint. Si affacciano i paesi di Alesso, Interneppo e Somplago.

La Valle del lago di Cavazzo era percorsa un tempo da un ramo del Fiume Tagliamento, quando, nel corso delle ultime glaciazioni, si è formata la depressione occupata dal lago. La principale fonte d’acqua era costituita da polle, larghe anche due metri, poste sul fondale. L’originario lago glaciale era molto ampio e raggiungeva la zona di Ragogna.

Lago-dei-Tre-Comuni-3334.gif

Oggi il lago attuale rappresenta una piccola parte di quello originale. Il Tagliamento scorre a circa 3 km più a est, e vengono versate nel lago le acque del bacino artificiale dell’Ambiesta o Verzegnis, che percorrono un tratto in galleria di circa 8,5 km. Emissario è invece un canale artificiale che sbocca nel torrente Leale. Un tempo, quando il livello lacustre era più stabile e fermo, durante gli inverni più rigidi il lago gelava, condizione che però non si verifica più da 50 anni.

Il suo sfruttamento turistico cominciò agli inizi del Novecento. Questo proseguì, incrementando, fino al rallentamento degli anni Cinquanta, quando per la costruzione della centrale idroelettrica di Somplago, terminata nel 1957, il lago da naturale con acque calde, divenne artificiale con acque fredde.

Le acque che si gettano nel lago dei Tre Comuni, provenienti dal bacino di Verzegnis, hanno temperature molto basse (10 gradi centigradi costanti), questo costituisce un elemento di notevole impoverimento della fauna e della flora. La parte meridionale del lago è occupata da un ampio canneto, che è un fragmineto, per la specie botanica che lo costituisce: le fragmitee (Phragmites australis).

Lago-dei-Tre-Comuni-3335.gif

Il lago è luogo di riproduzione per i pesci, come carpe (Cyprinus carpio), tinche (Tinca tinca) e anguille (Anguilla anguilla), che assieme ad alborelle (Alburnus alburnus), cavedani (Leuciscus cephalus), persico reale (Perca fluviatilis), sanguinerola (Phoxinus phoxinus), spinarello (Gasterosteus aculeatus) e a varie specie di trota, tra cui Fario (Salmo trutta fario), Iridea (Oncorhynchus mykiss o Salmo trutta gairdneri) che costituiscono la popolazione ittica del lago.

Nel canneto trovano un habitat ideale per nidificare il tarabuso (Botaurus stellaris), il tarabusino (Ixobrychus minutus), e il germano reale comune (Anas platyrhynchos). Le altre specie di uccelli che si possono incontrare sono la gallinella d’acqua (Gallinula chloropus), la folaga (Fulica atra), il Martin pescatore (Alcedo atthis). Nei periodi migratori, compaiono presso il Lago la Alzavola (Anas crecca), la Marzaiola (Anas querquedula), il Mestolone (Anas clypeata), l’Oca Granaiola (Anser fabalis) e il Codone (Anas acuta).

Lago-dei-Tre-Comuni-3343.gif

È interessante fare il giro del Lago dei Tre Comuni per la bella strada (km 10,2) che offre spesso dei scorci assai gradevoli. Una passeggiata in riva al lago consente di percorrere interamente il perimetro (con una piccola interruzione dovuta ad un area privata aggirabile per la strada asfaltata).

Ci sono dei parcheggi sia presso la riva est che quella ovest. Nella riva Est si trova una struttura adibita ad Ecomunseo, per opera di divulgazione scientifica. Sulle sue rive si trovano un Albergo Ristorante e un Camping e c’è anche la possibilità di effetturare gite in barca o di noleggiare dei pedalò.

Presso i Lago dei Tre Comuni si trova la centrale idroelettrica di Somplago, che sfrutta l’acqua del lago come bacino idrico.

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project