Cerca nel sito

 

 

 

 

Artegna - Chiesa di San Martino

Ad Artegna, sul colle di S. Martino vicino ai resti del vecchio castello, sorge la Chiesetta di San Martino che alcuni storici la pongono come una delle più antiche pievi, risalente al VIII secolo, forse citata da Paolo Diacono come inclusa in un castrum.

A supporto di questa tesi il ritrovamento di una lastra raffigurante degli agnelli portacroce, risalente all’incirca al IX secolo. Altri studiosi ritengono che invece sia sorta proprio attorno al 1000.

Il primo pievano citato è “Federico plebano di Artenea”, come appare in un documento del 1190. La costruzione originaria avvenne nel 1205. Nel 1299 il Castello e la chiesa furono distrutti dai Gemonesi.

La chiesa di San Martino venne ricostruita nel 1303, sfruttando parte delle rovine del castello vicino, ma fu nuovamente distrutta dal terremoto del 1511. Tra il 1515 e il 1519 venne ricostruita. Nel 1681 venne costruito il campanile. Nel mese di aprile del 1976 fu aperta al pubblico perché erano terminati i lavori di restauro. Il terremoto susseguente, non le procurò gravi danni e la Sovraintendenza provvide al completo nuovo restauro.

La chiesa di San Martino conserva all’interno un discreto ciclo d’affreschi. Le pitture più leggibili sono nella volta del coro con rappresentati Dottori della Chiesa. Evangelisti e i loro simboli. Sulla parete di fondo sono rappresentati i 12 Apostoli e la Passione di Cristo.

Sulla parete sinistra della navata si apre la Cappella di San Martino, interamente affrescata. Sono visibili nella fascia inferiore San Martino e il povero, San Giovanni Battista, San Rocco. Nella fascia superiore Adorazione dei Magi e, nell’intradosso dell’arco, le figure dei Profeti, opere di Gian Paolo Thanner, databili tra il 1523 e il 1530.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project