Cerca nel sito

 

 

 

Home > LocalitÓ > Comuni > Tolmezzo (UD) > Arte e Cultura > Musei e Biblioteche > Museo Carnico delle Arti e Tradizioni Popolari Michele Gortani

 

Tolmezzo - Museo Carnico delle Arti e Tradizioni Popolari Michele e Luigi Gortani

Museo Carnico delle Arti e Tradizioni Popolari Michele e Luigi Gortani

Indirizzo: Via della Vittoria, 2
Città: 33028 Tolmezzo (UD)
Tel: +39 0433 43233
Fax : +39 0433 43233
www: http://www.museocarnico.it
Mail
:
info@museocarnico.it
Biglietto: Intero: Euro 5,00; Ridotto: Euro 3,00; Ridotto scuole: Euro 2,00
O
rario di apertura: Da martedì a domenica h 9.00-13.00 / 15.00-18.00
Giorno di Chiusura: Lunedì (agosto sempre aperto)
Tempo medio di visita: 2 h.
Servizi offerti: Servizio visite guidate su prenotazione; Laboratori didattici; Bookshop-cataloghi; Bookshop-guide brevi.
Collegamenti: Stazione di Carnia; Autostrada A23 Casello di Carnia-Tolmezzo (Amaro); Autostazione Tolmezzo.

La sede si trova nell’Ottocentesco Palazzo Campeis. Il Museo Carnico delle Arti e Tradizioni Popolari Michele e Luigi Gortani espone per la maggior parte il materiale che il senatore Michele Gortani (1883-1966) raccolse casa per casa in tutte le vallate della Carnia dal 1920 in poi. Ben disposto nelle trenta stanze è una eccezionale documentazione di grande valore storico etnografico perché permette di ricostruire la vita in Carnia dal XIII secolo ad oggi.

Ecco alcune cose che si possono vedere:

Piano terra: Stanza 1: cucina carnica del '700 dedicata a Giuseppe Marchi con focolare in pietra, alare, credenza in noce con vasellame, acquaio. bronzini e caldaie in rame e bronzo. Un'altra cucina dedicata alla Scocerà Filologia Friulana con focolare, credenza del '600 provvista di rastrelliera, di terraglie del '800, bronzini, secchi e ceramiche.
Stanza 2: raccolte di vario materiale in ferro battuto e lavorato.
Stanza 5: ricostruzione di una bottega del lattoniere, fine '700, specializzata in lavori di arte sacra.
Stanza 6: ricostruzione di una bottega da falegname fine '700 con banco per confezionale "lis dalminis". Prima di salire le scale per il primo piano si trovano attrezzi del lavoro contadino (cesti, gerle, un aratro a mano ecc.).

Primo piano: Stanza 9: altra cucina carnica dedicata alla Società Filologica Friulana, con focolare, credenza seicentesca con rastrelliera con terraglie dell'Ottocento, bronzini, secchi, ceramiche.
Stanza 10: camera da letto con mobili del '700, alla parete un S. Giovanni di Nicola Grassi e ritratti del secolo XVIII e XIX.
Stanza 11: tinello con tavolo e sedie del '600; degno di nota è la raccolta degli Statuti della Magnifica Comunità Tolmezzina. Alle pareti ritratti della famiglia Linussio a cui è legata la nascita dell'industria tessile del secolo XVIII. Nel corridoio una bella serie di cassapanche di fine fattura con collezione di indumenti (calze, scarpetti).
Stanza 13: camera da letto Settecentesca con mobili finemente intagliati, casse nuziali, alla pareti dipinti di Nicola Grassi
Stanza 14: camera da letto Settecentesca con mobili intarsiati, con casse nuziali, alle pareti dipinti di Nicola Grassi.

Secondo piano: Stanza 18: è dedicata alla pastorizia, sono esposti collari, gioghi, campanacci, attrezzatura per la lavorazione del latte, borracce di legno, bastoni per pastori.
Sala Pellis: questa sala è stata dedicata al pittore Giovanni Napoleone Pellis di Ciconicco (UD) ed offre un'ampia collezione di maschere in legno dipinto, caratteristici sedonars (porta posate) in legno scolpito.
Stanza 20: raccoglie ricami (fazzoletti) del secolo XVII-XIX, casse nuziali dell'Ampezzano e modelli di case e chiese carniche. Lungo il corridoio, sopra delle cassapanche, si possono ammirare le ceramiche delle fabbriche di Cella di Ovaro e di Cercivento, scialli in lana.
Stanza 22: è dedicata alla filatura e tessitura con telaio completo, arcolai, aspe, rocche, fusi, pettini, stampi per tessuti.
Stanza 23: contiene materiale vario: mobili dipinti, due cassapanche provenienti da Forni di Sopra e Ovasta, sciarpe da festa, un vestito da sposa e, alla parete un capolavoro di Nicola Grassi (1732) Ritratto di Jacopo Linussio; dello stesso autore una Madonna con Bambino.
Salone centrale: dentro casse nuziali o per granaglie sono esposte trine a fuselli, ad ago, ad uncinetto, ai ferri. Una serie di tovaglie "umbre" e coperte di lana tessute nei Forni Savorgnani. Alle pareti dipinti e carte geografiche. Lungo il corridoio si possono ammirare sopra cassapanche bronzini di Pesàriis risalenti al secolo XVIII-XIX.
Stanza 26: contiene oggetti vari fra cui inginocchiatoi, biancheria ricamata, ed un tavolo ottagonale con vetrina di peltri carnici del '700.
Stanza 27: dedicata alla religiosità popolare con due statue, una i Santa opera di Domenico da Tolmezzo ('400) ed una di S. Floriano dovuta a Giovanni Martini ('500).

Nel cortile sotto il portico si notano una grande pietra per grassi, slitte per trasporto di legna e di fieno, torchi per sidro, alcune porte intagliate provenienti da Pesàriis ed una pila del secolo XI proveniente da Nonta.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

Museo delle Arti e Tradizioni Popolari "Luigi e Michele Gortani" - Tolmezzo from Provincia di Udine on Vimeo.

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project