Cerca nel sito

 

 

 

 

Rivignano Teor - Villa Rota-Badoglio o Castello

Villa Codroipo-Rota-Badoglio o Castello si trova in località Flambruzzo, frazione del comune di Rivignano Teor in provincia di Udine. L'edificio dominicale sorge sui resti di un castello di cui rimane traccia nella torre tondeggiante dell'ala ovest. La villa è del secolo XVIII e vi si accede attraverso un ponticello su un corso d'acqua che separa la villa dalla strada e che conduce ad una torretta.

L’originario castello viene citato nel 1259 quando i Savorgnano resero all’allora Patriarca di Aquileia, Gregorio di Montelongo, questo possedimento, indicato come  “castrum et villam inferiorem de Flambro”. Nel 1466 ne vennero infeudati i Conti Codroipo, che lo ebbero tra le loro proprietà fino all’inizio del XX secolo.

Nel frattempo il castello, come molti altri del Friuli Venezia Giulia, perse le funzioni militari e venne trasformato in villa a cui venne aggiunta anche una cappella.

Rivignano-Flambruzzo-Villa_Badoglio_porta.jpg

La proprietà passò nel 1910 al conte Francesco Rota di San Vito al Tagliamento. Venne rivenduta dopo pochi anni per ritornare alla famiglia dopo la Seconda Guerra Mondiale, quando Pietro Badoglio, che aveva sposato una delle figlie del conte Rota, lo acquistò e la cui famiglia lo possiede tuttora.

 
Rivignano-Flambruzzo-Villa_Badoglio.jpg

Il complesso padronale di Villa Rota-Badoglio è circondato da un parco all’inglese, con diversi corsi d'acqua, delimitato dal fossato. Il parco venne formato all’inizio dell’Ottocento, utilizzando parte di un antico bosco planiziale, a cui vennero fatte poche modifiche, soprattutto nei corsi d’acqua e con l’introduzione di poche specie estranee come tassi, magnolie, lecci.

Visite guidate possono essere effetuate su richiesta. La visita dura circa un’ora e un quarto.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

Informazioni:

Gian Luca Badoglio
Via Stella 4 - 33050 Rivignano
Tel. +39 0432 775032 - mob. 3494432999

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project