Cerca nel sito

 

Schede di approfondimento

Corno di Rosazzo (UD)

Corno di Rosazzo - Storia

Corno di Rosazzo, comune in provincia di Udine, prende il nome dal torrente omonimo, il Corno, che deriva dal latino cornum, per il suo andamento tortuoso. L’aggiunta di Rosazzo è più tarda e fa riferimento alla vicina abbazia.
Il territorio seguì le vicende di Cividale finché, giunse in possesso del Patriarca di Aquileia nel 1135, il quale lo diede, assieme ad altri beni, all’Abbazia di Rosazzo.
Corno di Rosazzo segui le vicende storiche di Cividale e nel 1866, in seguito alla III guerra d’indipendenza fu annesso al Regno d’Italia con tutto il Friuli occidentale. Nel territorio comunale, a Sant’Andrat esiste tutt’oggi l’antica trattoria dove i generali italiani e quelli austriaci si incontrarono per stilare i preliminari dell’armistizio, firmato poi a Cormòns. Il 19 novembre 1866 entrò ufficialmente a far parte del Regno d’Italia. Nel 1912 viene fondata la banda di Corno di Rosazzo, ad opera del doganiere Serano.

La prima guerra mondiale lo interessò direttamente, essendo territorio di confine. In seguito alla riforma amministrativa del Regio Decreto N. 705 del 22/03/1928, il comune di Corno di Rosazzo venne soppresso e il territorio aggregato al comune di San Giovanni di Manzano (oggi al Natisone). Alla fine della guerra, in forza del Decreto Legislativo Presidenziale N. 498 del 22/11/1946 venne ricostituito il comune che prese vita ufficialmente il 9 gennaio 1947.

Nella zona l’attività industriale molto rilevante è quella della sedia, mentre nell’attività agricola predomina la coltivazione della vite con ottimi risultati. Dal famoso Picolit sino al Friulano (ex Tocai), passando per tutti i vini bianchi e rossi della regione, Corno di Rosazzo eccelle, spesso a livello mondiale. Tanto che il 25 maggio 1970 un comitato presieduto da Mario Budini, decise di dare vita ad una Fiera dei Vini dei Colli orientali del Friuli, che si svolge ancora oggi.

 

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project