Cerca nel sito

 

Venezia

Venezia - Storia

La laguna veneta si va formando dall’VIII-VII secolo a.C. e fin dall’epoca preistorica risultano degli insediamenti umani, che vanno poi aumentando in epoca protostorica con la civiltà paleoveneta.

Punto di incontro con il nord ed est Europa, i Romani procedono alla costruzione nell’area dell’alto Adriatico di città e porti, come Aquileia, Altino, Concordia, Chioggia, Trieste.

Il primo nucleo di Venezia è rappresentato, come riporta il Chronicon Altinate del XI secolo, dall’insediamento di Riva Alta, l’attuale Rialto, sul Canal Grande, dove il 25 marzo del 421 fu consacrata la chiesa di San Giacometo. L’insediamenti aumentarono, anche per doversi mettere al riparo dal sempre maggiore passaggio di eserciti romani e poi barbari. Sorgono Torcello, Metamauco e altri borghi, con il contemporaneo trasferimento anche delle istituzioni religiose come i Patriarcati di Aquileia e Grado e del Vescovado di Altino.

Dopo la guerra gotica, i bizantini perdono la regione per l’occupazione da parte dei Longobardi, mantenendo solamente la fascia costiera. Venetia non è più riferito a tutta la vecchia X regio, ma solo della striscia sul mare.

Nel 697 si crea il ducato di Venetia che dipende dall’Esarcato di Ravenna, la cui capitale nel 821 viene spostata a Rialto, che diventerà Venezia.

I rapporti commerciali e politici con Costantinopoli la fecero divenire un punto ideale per le comunicazioni con l’oriente, donando alla città una progressiva importanza accompagnata da una sempre maggiore autonomia. Divenuta repubblica, come altre città marinare, acquista sempre maggiore influenza nei mari, costituendo numerose basi commerciali in tutto il Mediterraneo orientale. Venezia garantì i collegamenti con la terra santa, mettendo le sue navi a disposizione delle varie crociate.

L’apice della sua potenza fu raggiunto nel XIV secolo grazie al mercato delle spezie e di vari commerci. Tuttavia nel secolo successivo comincia il suo lento declino sul mare, dovuto alla pressione Ottomana e alla scoperta delle americhe, che causò lo spostamento del baricentro commerciale, mentre comincia la sua espansione sulla terrà ferma. Nel Quattrocento comunque Venezia rappresenta ancora in Europa quella che oggi potrebbe essere New York.

Il lento declino politico e commerciale continua inesorabile e quasi impercettibile per circa trecento anni, pur rimanendo culturalmente una delle principali città europee. Nel 1797 la conquista da parte di Napoleone farà crollare la millenaria repubblica che entrerà nell’impero asburgico, rappresentando una delle due capitali del regno Lombardo-Veneto.

Riunitasi all’Italia nel 1866, ebbe una crescita continua, inglobando le isole vicine e espandendosi poi anche nella terrà ferma. Ebbe anche uno sviluppo dal punto di vista della cantieristica e delle raffinerie. Oggi Venezia è tra le più importanti mete turistiche, rappresentando un gioiello unico al mondo.

 

• Le terre vicine

 

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project