Cerca nel sito

 

 

 

 

San Giorgio della Richinvelda - Chiesa di San Giorgio

La chiesa di San Giorgio è una parrocchiale che si trova a San Giorgio della Richinvelda in provincia di Pordenone.

Della chiesa originale si sa assai poco. Una scritta sulla chiesa attuale, confermata dagli archivi parrochiali, recita: "Eretta nel IX secolo/questa matrice/venne ricostruita/in sul finire/del secolo XIX". Sappiamo che fu ricostruita tra il XIV e il XV secolo e ampliata successivamente. Oggi, come elementi originali, sopravvivono: alcuni muri, l’abside, il Coro, che riporta in un fornice la data del 1424. Inoltre, un bassorilievo in una lunetta sopra l’architrave mostra un San Giorgio contro il drago, deteriorato ma abbastanza leggibile da ricordare i lavori degli scultori cinquecenteschi come Baldassarre e Rigo.

La chiesa fu radicalmente ristrutturata nel 1885 su progetto dell’architetto Girolamo D’Aronco da Gemona e dopo modificato in parte dal Prof. Antonio Pontini, disegnatore della terra friulana. Lo stile fu quello neogotico che si andava diffondendo all’epoca. Venne restaurata dopo il sisma del 1976.

L’altar maggiore, con balaustre laterali, è fatto con pietra di Meduno e riporta la data del 1667. Il tabernacolo invece è del 1789, di ottima fattura in marmo policromo.

Gli affreschi che decorano l’interno della chiesa di San Giorgio sono del gemonese Francesco Barazzutti, che qui ha realizzato una tra le sue opere migliori, caratterizzata da colori chiari e lucenti che rispondono pienamente ai gusti dell’epoca. Troviamo: nella navata angeli con cartigli, intorno a Cristo benedicente e altri angeli, presso l’arco trionfale.

Nelle vele: i Ss. Giorgio, Stefano protomartire, Isidoro e il Beato Bertrando, quest'ultimo sullo sfondo della chiesetta di S. Nicolò e del cippo che ricorda l'uccisione del Patriarca. L’organo è dei primi del Novecento, realizzato dalla famosa ditta Zanin di Codroipo, come molti altri della bassa friulana.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project