Cerca nel sito

 

 

 

Home > LocalitÓ > Comuni > Visco (UD) > Arte e Cultura > Monumenti, Chiese e Palazzi > Chiesa di Santa Maria Maggiore

 

Visco - Chiesa di Santa Maria Maggiore

La Chiesa parrocchiale di S. Maria Maggiore si trova a Visco. Già esistente nel XV secolo, venne rifatta ed inaugurata nel 1685. Presenta una facciata a capanna con un portale e sei nicchie, di cui una timpanata, che probabilmente contenevano delle statue.

L’interno ad unica navata è arricchito da stucchi e decorazioni. Nella parete di fondo è collocato un spettacolare altare maggiore, pregevole opera di Paolino Zuliani, eseguita tra il 1738 e il 1750, con varie statue e bassorilievo. Quelle laterali raffigurano i Ss. Pietro e Giovanni, mentre ai lati del paliotto sculture in bassorilievo con Trionfo dell’Eucarestia.

Nella parete di fondo dell’abside si trova la bella pala della Madonna con Bambino, Eterno Padre ed Angeli. Sotto la riproduzione della chiesa e delle abitazioni intorno, dentro un riquadro a stucco, opera seicentesca di Giuseppe Cosattini per lungo tempo fu attribuita al Padovanino.

Ricchi di marmi pregiati sono gli altari laterali della chiesa, opere del ‘700. Contengono tre pale d’altare di Pietro Bainville con S. Sebastiano e Santi, Sant’Antonio da Padova, La Madonna del Rosario. Dipinte probabilmente tra il 1720 e il 1733, mentre un’altra pala, con rappresentazione del Crocifisso, pure settecentesca, è d’autore ignoto.

Di Domenico Molinari la Via Crucis (1816) e un quadro con S. Martino che si trova in sacrestia (1813). Giulio Justolin nel 1910 ha dipinto il soffitto della navata con Natività, Deposizione, Incoronazione della Vergine, e nell’arco trionfale, scene relative al Miracolo della Neve e alla fondazione della Basilica di S. Maria Maggiore.

Una statua in legno raffigurante S. Martino e il Povero e ora situata sopra l’altare del Crocefisso, è l’unico avanzo della vecchia chiesa databile verso la metà del Cinquecento.

Condividi su Facebook

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project