Cerca nel sito

 

 

 

 

Trivignano Udinese - Borgo Clauiano

Seguendo la strada che da Trivignano Udinese conduce a Palmanova, si incontra il borgo rurale di Clauiano, un esempio intatto di architettura rurale del Cinque-Seicento. Venne citato per la prima volta nel 1013 da un documento del Patriarca Poppone. Venne incendiato dai Turchi, durante la loro incursione in Friuli del 1477.

Venne quindi ricostruito con una struttura a cortina chiusa per meglio difendersi da eventuali invasori.

Nella piazza, in antico, c’era una cisterna con un fondo di argilla, chiamata sfuei. Le abitazioni più antiche del borgo si trovano presso la Chiesa parrocchiale di San Giorgio e in Borgo San Martino, risalenti al Cinquecento. La maggior parte dei restanti edifici di Clauiano sono del Sei-Settecento, con l’architettura tipica della casa della bassa friulana: fronte strada e corte interna, alla quale si accede attraverso un portale incorniciato da pietre squadrate.

Nel Borgo emerge il rosso edificio padronale della famiglia Ariis, con giardino retrostante ornato da statue. A nord della piazza la Casa Bosco con ingresso sormontato da un poggiolo in pietra e con aperture ad arco murate, che testimoniano la sua origine antica. Da segnalare inoltre la quattrocentesca Casa Gardellini, la più antica del borgo, sulla cui facciata sono ancora visibili tracce di decorazioni con motivi a losanghe.

E ancora: Casa Palladini con una corte del XVII secolo; Casa Belletto del 1791; Villa Manin, appartenuta alla famosa nobile famiglia. Degne di nota, infine, le belle chiesette di San Marco e di San Giorgio, con testimonianze artistiche che vanno dal XIV al XVIII secolo.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project