Cerca nel sito

 

 

 

 

Venzone - Il Duomo

Il Duomo di Venzone si trova nel capoluogo del comune in provincia di Udine ed è dedicato a S. Andrea Apostolo. Fu quasi completamente distrutto del terremoto del 1976 e ricostruito fra il 1988 e il 1995, per anastilosi, cioè con la ricollocazione nella sede originale e con la primitiva connessione, delle parti distaccate.

Nel VI secolo nella zona esisteva già un luogo di culto. Il duomo fu costruito su una originaria “stazio” romana, con pietra locale. Le ricerche archeologiche hanno dimostrato che nei pressi della parete della facciata c'era una chiesa carolingia-ottoniana fatta ampliare da Glizoio di Mels nel 1251. Sopra questa fu costruito il Duomo nel 1308, capolavoro di Giovanni Griglio che qualche anno prima aveva lavorato in quello di Gemona. Fu consacrato il 2 agosto 1338 dal Patriarca Bertrando.

Duomo di Venzone dopo il 15 settembre 1976.

Il duomo di Venzone dopo il 15 settembre 1976 (Foto Wikipedia)

Venzone dopo numerose lotte con Gemona, ottenne la prima indipendenza religiosa da questa nel 1391, con bolla pontificia di Papa Bonifacio IX, divenendo pieve a sé stante. Il Pievano "pro-tempore" può vantare il titolo e i privilegi del Cappellani di Sua Santità, come da “Breve apostolico” di Papa Pio XI, in data 17 novembre 1930.

All'esterno, il Duomo di Venzone è decorato da statue e rilievi del Trecento e sei patere veneto-bizantine incastonate nell'avancorpo del portale. Ha tre portali, tra i quali il più interessante è quello di settentrione. In questo, nella lunetta posta sopra al portale, un Cristo benedicente tra i simboli dei quattro evangelisti; su quello meridionale statua dell’Incoronazione della Vergine; nel portale centrale Crocifissione, purtroppo rovinata per un incendio del cantiere di restauro, nel 1983.

L'interno è a forma di croce latina, composto da una navata unica longitudinale e da un ampio transetto con i tre presbiteri absidali e due torri a fianco. Con il terremoto le opere d'arte che conteneva sono purtroppo andate quasi totalmente perdute. Si possono ammirare affreschi trecenteschi rimasti quasi integri dopo il sisma del 1976 e che recenti studi sono riusciti a collocare storicamente.

Il duomo di Venzone

Il duomo di Venzone (Foto Wikipedia)

Tra questi spiccano il grande affresco della Consacrazione del Duomo e un San Martino con il povero dipinti nei modi di Vitale da Bologna, databili al 1350 circa; un magnifico San Giorgio che libera la principessa dal drago di chiara impostazione nordica. Nella cappella del Gonfalone, frammenti (recuperati nel 1977 dalle macerie) di affreschi che raffiguravano oltre agli angeli, personaggi e fantastiche architetture. Altri soggetti erano l'Incoronazione della Vergine, l'Angelo benedicente (1410-15) opera di Antonio Baietto e Domenico Lu Domine.

Bernardino da Bissone ha scolpito le due acquasantiere, il fonte battesimale e la lastra tombale degli Antonini. Tra le pale vanno ricordate quella di Sant'Orsola con le sue ancelle della fine del '500 di Andrea Petrolo, quella dalla Madonna del Rosario, opera gradevole dello svizzero Melchiorre Widmar, della seconda metà del '600.

Inoltre due dipinti di Giulio Quaglio del 1696, raffiguranti il primo con la Madonna col Bambino e i santi Antonio di Padova, Carlo Borromeo, Giovanni Battista; il secondo, un capolavoro dell'esimio artista, la Presentazione di Gesù al Tempio. Si vede inoltre, nel presbiterio centrale, un Crocifisso di legno di scuola friulana è databile alla prima metà del XV secolo.

Nel presbiterio di destra si trova uno splendido Vesperbild (Pietà) in pietra arenaria del primo '400: splendida opera di scuola salisburghese.

Sopra il portale laterale della chiesa è collocato un lavoro in legno che mostra “Il compianto del Cristo morto”, (in tedesco: Beweinung Christi) composto da otto statue molto ben scolpite, risalenti al 1530 e attribuite alla scuola tedesca di Ulma, pur con influssi italici della valle Padana. In precedenza era posto nel Battistero, fino al sisma del 1976, che lo lesionò. Fu poi restaurato a cura della Sopraintendenza.

Ricco è il Tesoro del Duomo di Venzone con 23 opere databili tra il XIII e il XVII secolo. Spicca tra queste una croce astile del 1421, opera del veneziano Bernardo di Marco Sesto.

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project