Cerca nel sito

 

 

 

 

Romans d'Isonzo - Lèssio Belèssio

Dolfo Zorzut, nel 1921, raccolse dalla viva voce di Olimpia Inglessi (1885- 1964) di Versa di Romans d’Isonzo, in provincia di Gorizia, una leggenda poetica in friulano dal titolo Lèssio Belèssio.

Questa leggenda ha origini molto antiche. Risale addirittura ad una tradizione siriaca dei cristiani d’oriente presso Edessa. Da qui si diffuse in forme arabe ed etiopi fino poi al greco. La letteratura medioevale la riprese in varie forme. Troviamo una versione francese del XI secolo e una italiana dell’inizio del XIII secolo.

Un certo culto per questo santo era presente anche in Friuli: pare che da sant’Alessio derivi il nome Alesso presso Trasaghis. I familiari di Olimpia Inglessi ricordano che usavano cantare questa filastrocca dopo il rosario.

           

Bibliografia:

Testo da: Dolfo Zorzut, Sant’Alessio in « Sot la nape », S.F.F., Udine, 1927, III parte, pag. 181-183.
Dino Virgili, La Flôr, Ed. Società Filologica Friulana, Udine, 1978, II.
Gianfranco D’Aronco, L’antica leggenda di sant’Alessio in “La porta orientale”, XVII, 1-3, pag. 46-50.

 

 


 

LÉSSIO, BELÈSSIO…

 

Sant Alessio inlubià

fasè consei e si maridà:

come vuè la ciolè,

come doman la lassà.

— Ai fat vòt di castitât

di fa siet agn di virginitât

e ‘l me librut tal lassarài.

— Ài abandonat miò pari,

ài abandonòt mia mari,

l’àur e l’anint

e anciemò mi orês lassâ.

E ‘l ciapa-sù el so librut

e al là a fâ pinitinza.

Quan’ch’al è un tantin indenant

al ven el so inemì

par intentâlu

e j disè:

— Lèssio, Belèssio

tu âs el to ben a ciasa

e tu vas a cirî mâl:

je la tô mujèr e dama

sui barcons

ch’e va a spas cui compagnons!

— O no no, no podis cròdilu,

‘o ài lassât la mé mujèr e dama

cusint e vaint

sun chel barcon di prima.

E ‘l ciapa-sù el so librut

e ‘l torna indaûr.

Quan’che la sò mujèr e dama lu viodè

duta quanta si ralegrè.

— O no no, dona sovrana,

soi vignùt a puartàus un avîs

che jo jeri dismenteât.

E ‘l ciapa-sù el so librut

e ‘l torna indaùr.

Quan’ch’al è su la mieza strada

e ‘l torna el so inemì

par ingianâlu

e j torne a dî:

— Lèssio, Belèssio,

tu âs el to ben a ciasa

e tu vas a ciri mâl:

je la to mujèr e dama

sui barcons

ch’e va a spas cui compagnons:

ve’ chi i anei che tu la jas sposada!

E ‘l ciapa-sù el so librut

e al là a fâ pinitinza.

Quan’ch’al à fat siet agn di virginitàt

‘l è lat a ciri di lozâ

là da la sô mujèr e dama.

E so mujèr e dama j disè:

— Piligrin, biel piligrin,

se savarèssis dâmi

qualchi mès dal miò marît di prima,

io us lozarài.

— Jo irsera a chist’ora

jeri a durmì cul vuestri marît,

jeri a spas, jeri a cena.

— O chistis tre bielis peraulis

che mi vês ditis

tre servitôrs a taula a fâus servî,

la barba vuéi fâusla fâ

e ancia ‘l jet vuéi fâuslu cuinzâ.

— Jo no vuéi tre servitôrs in taula

a fâimi servî,

nancia la barba no vuéi che la mi fasedis fâ

e nancia ‘l jet che mi lu fasedis cuinzâ:

un clap da ciâf e un clap dapis

sot lis s’cialis dal vuestri biel palaz

là ‘l sarà ‘l miò bon durmî,

là ‘i sarà ‘l miò bon polsâ.

A miezegnot lis ciampanis di Roma sunàrin

e nissun no lis tociava.

Ce îsa, ce no îsa?

Isel nassùt un re

o îsel nassût un papa?

o ce îsa e ce no îsa?

Fasèrin consei e ciapàrin-sù

la crôs da confraterna,

a’ larin a viodi ce che ‘l è.

Quan’che la crôs ‘a je alì dret

si sbassà e andà-dentri.

Ciatàrin sant Alessio sot lis s’cialis che al penava

e j disèrin:

— Lèssio, Belèssio,

a to pari che ‘l ti à nudrît

el to librut t’al lassarâs?

E ‘l strenzè la man

e noi olè dâ

e j disèrin:

— Lèssio, Belèssio,

a tò mari che ti à puartât nûf mês

tal ventri

e! to librut t’al lassarâs?

E ‘l strenzè la man

e noi olè dâ

e j disèrin:

— Lèssio, Belèssio,

a la to femina che ti à spietât

siet agn par virginitât

el to librut t’al lassarâs?

E ‘l molà la man

e lassà lâ.

E vignìrin-jù i àgnui

dal paradis:

lu ciapàrin in anima e cuarp

e lu partàrin in paradis.

 

 

 


ALESSIO, BELL’ALESSIO...
 
 

Sant’Alessio di malavoglia (?) fece consiglio e si sposò: come oggi la prese,

come domani la lasciò.

            — Ho fatto voto di castità di fare sette anni di verginità e il mio libretto te

lo lascerò.

            — Ho abbandonato mio padre, ho abbandonato mia madre, l’oro e l’argento

e ancora mi volete lasciare!

E prende il suo libretto e va a fare penitenza.

Quando è un po’ innanzi, viene il suo nemico per tentarlo e gli dice:

            — Alessio, bell’Alessio, hai il tuo bene a casa e vai a cercar male. E’ la tua moglie

e dama sulle finestre che va a spasso coi compagnoni!

            — O no no, non posso crederlo, ho lasciato la mia moglie e dama [che stava]

cucendo e piangendo su quella finestra di prima.

E prende il suo libretto e torna indietro.

Quando la sua moglie e dama lo vide, tutta si rallegrò.

            — Oh no no, donna sovrana, sono venuto a portarvi un avviso che mi ero

dimenticato.

E prende il suo libretto e torna indietro.

Quando è a mezza strada torna il suo nemico per ingannarlo e gli torna a dire:

            — Alessio, bell’Alessio, hai il tuo bene a casa e vai a cercar male. E’ la tua moglie

e dama sulle finestre che va a spasso coi compagnoni! Ecco qua gli anelli con i quali

l’hai sposata.

E prende il suo libretto e va a fare penitenza.

Quando ha fatto sette anni di verginità, è andato a cercare alloggio dalla sua

moglie e dama.

E sua moglie e dama gli disse:

            — Pellegrino, bel pellegrino se sapeste darmi qualche notizia del mio marito

di prima, io vi alloggerò.

            — Io ieri sera a quest’ora ero a dormire con vostro marito, ero a spasso, ero

a cena.

            — Oh, per queste tre belle parole che mi avete detto, [meritate] tre servitori

a tavola a farvi servire, la barba voglio farvela fare, e anche il letto voglio farvelo

preparare.

            — Io non voglio tre servitori a tavola a farmi servire, neanche la barba non

voglio che me la facciate fare, e neanche il letto che mi facciate preparare; un sasso

dalla parte del capo e uno ai piedi sotto le scale del vostro bel palazzo là sarà il

mio buon dormire, là sarà il mio buon riposare.

A mezzanotte le campane di Roma suonarono e nessuno le toccava: che è,

che non è? E’ nato un re o è nato un papa? Oh, che è e che non è?

Fecero consiglio e presero la croce della confraternita e andarono a vedere che

cosa era. Quando la croce fu lì dinnanzi, si abbassò ed entrò. Trovarono sant’Alessio

Sotto le scale che penava, e gli dissero:

Alessio, bell’Alessio, a tuo padre che ti ha nutrito, il tuo libretto lascerai?

E strinse la mano e non lo volle dare. E gli dissero:

            — Alessio, bell’Alessio, a tua madre che ti ha portato nove mesi nel seno, il tuo

libretto lascerai?

E strinse la mano e non lo volle dare. E gli dissero:

            — Alessio, bell’Alessio, a tua moglie che ti ha atteso sette anni per verginità, il

tuo libretto lascerai?

Aprì la mano e lasciò andare il libretto. E discesero gli angeli dal paradiso: lo

presero in anima e corpo e lo portarono in paradiso.

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project