Cerca nel sito

 

 

 

 

San Vito al Tagliamento - Duomo

Il duomo di San Vito al Tagliamento si trova in piazza del Popolo dek capoluogo del comune in provincia di Pordenone. È intitolato ai Ss. Vito e Modesto.

Sorge su una precedente chiesa del 1430 e fu eretto dalle fondamenta nel 1745 a spese del cardinale e Patriarca Daniele Delfino. Fu consacrato il 25 gennaio 1752.

Domina la pianura il bel campanile alto ben 76 metri terminato nel 1484, opera di un certo Giovanni da Pordenone. All'interno del duomo, a navata unica, vi sono preziose opere friulane e venete. Un trittico rappresentante Madonna col Bambino, un donatore e i Ss. Pietro e Paolo con i loro simboli, opera di Andrea Bellunello firmata e datata 1488.

Preziosa è la pala dei Ss. Apollonia, Rocco, Sebastiano, Cosma e Damiano di Pomponio Amalteo, opera del 1533. Sempre dell’Amalteo sono custodite due piccole pale con la Resurrezione e la Pietà del 1577 e la decorazione delle portelle per organo: Lavanda dei piedi, la Samaritana e la Maddalena, Storie dei Ss. Vito, Modesto e Crescenzio, ultimata nel 1566. Oggi sono collocate alle pareti, in quanto lo strumento fu distrutto verso la metà del Settecento.

Le pregevoli pale d'altare sono di Alessandro Varotari detto il Padovanino, risalenti al 1630- 40 circa e raffiguranti la Madonna di Loreto tra i Ss. Giovanni Battista è Nicolò. Nel primo altare a destra, invece, si trova l’Immacolata tra i Ss. Francesco da Paola e Sebastiano di Gaspare Diziani del 1750 circa.

Di Francesco Zugno è la pala delle Anime purganti e della Crocifissione del 1751. In alto sulla navata sinistra troviamo l'Educazione della Vergine probabilmente di Jacopo Guaranà, prima posta sull’altare e oggi sostituita da un moderno dipinto con analogo soggetto, di Lodovico Pogliaghi (1857- 1950).

Del sanvitese Giuseppe Moretto è il dipinto della Madonna del Rosario (1588). Inoltre nei molti altari, si trovano numerose opere settecentesche degli scultori friulani Giovanni e Giuseppe Mattiussi.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project