Cerca nel sito

 

 

 

 

Tarvisio - Santuario del Lussari

Nel territorio di Camporosso in Val Canale, località del comune di Tarvisio in provincia di Udine, a m 1792 s.l.m., di trova il celebre Santuario della Madonna del Lussari (Svete Višarje in sloveno).

Il santuario si può raggiungere oltre che a piedi, anche con una funivia che parte da Ugovizza, recentemente rinnovata.

Tarvisio_-_Lussari.jpg
Il Lussari in inverno

Secondo una leggenda, un pastore aveva smarrito delle pecore, che ritrovò inginocchiate vicino ad un cespuglio di pino mugo. In mezzo al cespuglio il pastore trovò una statuetta raffigurante una Madonna con Bambino.

Il pastore la portò a valle la statuetta e la consegnò al parroco di Camporosso. Il giorno seguente, però, la statuetta venne ritrovata nuovamente in cima al monte, con alcune pecore inginocchiate. Il parroco comunicò la cosa al patriarca, che decise di costruirvi una cappella.

Il Patriarca Ludovico della Torre nel 1360 diede il via ai lavori per la cappella, di cui oggi non c’è più traccia. La chiesetta infatti, nel XVI secolo fu ricostruita in muratura, con annesso il santuario. Il campanile invece è seicentesco. Nel 1760 il quarto centenario del Santuario fu celebrato dalla comunità slovena, per la quale costituisce il pellegrinaggio per antonomasia.

Il Santuario venne chiuso al culto nel 1786 per ordine dell'imperatore Giuseppe II. Tuttavia, suo fratello Leopoldo, annullò l’ordinanza nel 1790.. Pochi anni dopo, nel 1807, il complesso fu distrutto nella sua parte lignea da un fulmine, ma venne velocemente ricostruito.

Nella Prima Guerra Mondiale venne requisito per fungere da osservatorio austriaco e fu di conseguenza ridotto in un cumulo di macerie dalla nostra artiglieria. La chiesa attuale risale al 1924, quando venne ricostruita. Il 24 giugno del 1925 vi ritornò anche la statua della Madonna, dopo che era custodita prima a Maribor e poi a Dravograd. Fu riconsacrato dal vescovo di Gorizia il 1 giugno 1926 e divenne il Santuario dei tre popoli.

La statua miracolosa ancora conservata all’interno è un’opera di scuola austriaca, del periodo gotico. Gli affreschi che decorano l'arco trionfale, invece, sono dello sloveno Tone Kralj (1930). Le stazioni della Via Crucis, su lastre di marmo, sono del 1941. Il Santuario raccoglie la devozione delle popolazioni della zona, italiana, tedesca, slovena.

Dal Lussari si gode uno tra i panorami più emozionanti dell’intera regione: a SO i due Nabolis, lo Jôf Fuart il gruppo del Montasio e la Valbruna; a O a distanza, con tempo chiaro, il Pelmo, l'Antelao, la Marmolada; verso N i Tauri, il Grossglockner e le Alpi Carniche, i monti della Carinzia e il Lago di Wört.

Il Lussari è anche una stazione sciistica. Intorno alla stazione della funivia si trovano due skilift per due piste: la di Prampero e la Malga Lussari.

Info: http://www.santuariodelmontelussari.it/

Tarvisio - Webcam sul Lussari

https://static2.bergfex.com/webcams/archive/downsized/9189/2018/01/16/9189_2018-01-16_0900_c26d20477b214b63.jpg

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project