Cerca nel sito

 

 

 

 

Fagagna - Castello medioevale

Sulla collina che sovrasta a nord l'abitato di Fagagna, si trovano i resti dell'antico castello patriarcale, sorto anteriormente al 983, anno in cui l'imperatore Ottone II, lo donò assieme ad altri quattro castelli al Patriarca Rodoaldo.
 
Non si esclude che precedentemente ci fosse una fortificazione romana, a guardia della strada che da Concordia portava al Norico, detta “Per Compendium”.
 
Un documento del 1230 indica un certo Siurido di Manzano, come feudatario di Fagagna. Il castello venne attaccato dalle truppe di Ezzelino da Romano, distruggendolo e occupandolo fino al 1254, quando ne verrà investito Asquino di Varmo, dal Patriarca Gregorio di Montelongo. Troviamo in seguito, nel Trecento, una famiglia Fagagna che ne regge le sorti.
 
Il castello di Fagagna rimase di proprietà patriarcale fino al 1420, quando il Friuli venne conquistato dalla Repubblica di Venezia. Tra il 1411 e il 1419 subì le devastazioni dalle truppe ungheresi di Re Sigismondo. Sotto la Serenissima il maniero andò in degrado e nel sec. XVII venne abbandonato.
 

Un disegno del Seicento, rappresenta quella che era la struttura del castello, prima del degrado. Attualmente restano pochi resti, la torre del mastio, la torre porta e lacerti di muraglia.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project