Cerca nel sito

 

 

 

Home > Località > Comuni > Fagagna (UD) > Arte e Cultura > Musei e Biblioteche > Museo della vita contadina "Cjase Cocèl"

 

Fagagna - Museo della vita contadina Cjase Cocèl

Museo della Vita Contadina “Cjase Còcel”
Via Lisignana, 40
33034 Fagagna UD
Tel. 0432-801887 - Fax 0432-802599
www: -
Mail:
cultura@comune.fagagna.ud.it 
Orario di apertura: Estate: domenica dalle 15.30 alle 19.00
Primavera-autunno: domenica dalle 14.30 alle 18.00
Biglietto: Intero € 3,00; Ridotto € 2,50
Tempo medio di visita: ore 2.
Visite guidate: Su prenotazione
(Tel 0432-812111; Fax 0432-810065 Comune di Fagagna)
Servizi offerti: Punto informazioni; Punto telefono; Schede didattiche per insegnanti; Attività didattica con le scuole; Accesso per disabili; Visite guidate a tema.
  
 
Cjase Cocèl è un eco-museo disposto in una casa rustica assai antica: alcune parti risalgono al 1600. Vi ha abitato per molti anni la famiglia Chiarvesio soprannominata "Cocèl".
 
Nell'esposizione si può vedere una panoramica della vita contadina friulana che va dall'Ottocento fino al 1950. Sono stati ricostruiti: la cjase (cucina), il camarin (la dispensa), il fogolâr (focolare), la cjamare (camera da letto), il solâr (granaio), la cantine (cantina), la stàle (stalla), la stansie dai impresc' (stanza da lavoro), il fôr dal pan (forno del pane), l'arie (aia), il gjalinâr (pollaio). Si possono poi vedere varie persone che eseguono dei lavori con antichi attrezzi. Si può ammirare dal vivo il lavoro dell'arrotino, del cestaio, del fabbro, della donna che fila la lana, e delle merlettaie.

Famose erano queste ultime tanto da rivaleggiare con quelle di Burano. Bisogna sapere che dal 1892 esisteva a Fagagna la Scuola Merletti voluta dalla contessa Cora di Brazzà e dal sen. Luigi Pecile. Essa diede un lavoro decoroso e redditizio alle giovani di Fagagna che divennero persino Merlettaie della Regina. Disegni della scuola, registri fotografie, documenti e manufatti completano la mostra.

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project