Cerca nel sito

 

 

 

 

Grado - La Basilica di Santa Eufemia

La piazza dei Patriarchi si apre a ridosso di Grado vecchia, centro di Grado, in provincia di Gorizia. Qui sorge il duomo di Grado, che si presenta con le stesse forme che il patriarca Elia, dopo averlo rinnovato o completato, consacrò nel 579. La facciata ha tre ampie finestre. Al lato destro il campanile eretto nel 1455 ha in cima la statua veneziana in rame sbalzato di San Raffaele Arcangelo, posta nel 1462 ed alta ben 2,8 metri.

Grado---Basilica-di-SantEufemia-100_2074.gif
---
Basilica di Sant'Eufemia (foto di Giorgio De Zorzi)
---

L’interno della Basilica di Sant'Eufemia, disposto su tre navate è diviso da colonne di vari marmi, alcune di epoca romana ed altre del VI secolo. Per la maggior parte sono di marmo africano. Il tetto è a travature a vista.

La maggior bellezza della basilica di Santa Eufemia è il notevole e magnifico pavimento a mosaico del VI secolo, restaurato nel 1945-48, dove predominano le forme geometriche e dove sono inserite varie scritte. Il mosaico misura, tenendo conto anche degli ambienti annessi, circa 700 m². Numerose parti del pavimento sono state ricostruite durante il restauro.

Sotto il pavimento si trovano i resti della basilica antica, del sec. IV-V (mosaico pavimentale con iscrizione relativa ad un ebreo convertito, è visibile alzando una botola). Alla destra dell’ingresso principale un grande capitello corinzio è stato trasformato in acquasantiera.

Nel presbiterio recintato da plutei del tempo di Elia e collocato un alto ambone esagonale formato da tronchi di colonne romane dai capitelli del sec. VI. decorate con i simboli degli Evangelici del ‘300.

L’altare della Basilica di Santa Eufemia è moderno con dietro una grande pala d’argento, (cm 138 x 236), lavoro a sbalzo e a cesello del XIV secolo e donato a Grado dal nobile veneziano Donato Mazzalorsa nel 1372.

Nell’abside, poligonale all’esterno e semicircolare all’interno, troviamo nel catino affreschi con Cristo benedicente tra i simboli evangelici, Maria, e i Ss. Giovanni, Ermacora e Fortunato (ridipinti al principio sec. XV).  Di scuola tedesca alla parete dell’abside 14 Santi su due tavole con fondo dorato del Quattrocento.

Grado_-_Interno_del_Duomo_-_1920.jpg
---
L'interno della Basilica nel 1920
---

Attraverso una porta, dietro l’altare del Santissimo, si entra nella cappella di San Marco anch’essa pavimentata a mosaico.

In fondo alla navata destra della Basilica di Sant'Eufemia, un’altra porta conduce al Mausoleo, nel cui pavimento in mosaico si trova al centro il monogramma di Elia, che fa presumere che qui fosse l’arca contenete il corpo del patriarca.

Di un maestro nordico è l’antipendio in legno intagliato e dipinto raffigurante la Pietà e Santi. Qui si conserva il tesoro del Duomo, ridotto dalle ruberie nei secoli, ma ancora ragguardevole.

Per una porticina, attraversando un corridoio moderno si giunge in un ambiente che serviva al patriarca per ricevere gli omaggi del clero. Notevole il pavimento in mosaico con il monogramma di Elia, al centro in tessere d’oro ed un iscrizione circondata da epigrafi.

C‘è il calco della cosiddetta Cattedra di S. Marco, reliquario in alabastro grigio donato alla Basilica di Sant'Eufemia dall’imperatore Eraclio nel 630 al patriarca Primigenio. In origine si trovava nel tesoro di S. Marco a Venezia, da  dove provenne prima del 1520.

Grado - Basilica di S. Eufemia. Piazza dei Patriarchi – 34072 Grado GO – Tel. 0431 80146 (apre mattina e pomeriggio).

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project