Cerca nel sito

 

 

 

 

Faedis - Chiesa di Santa Maria Assunta

La chiesa arcipretale di S. Maria Assunta di Faedis fu costruita nel 1934 e consacrata lo stesso anno, su una precedente chiesa cinquecentesca e relativa cortina medioevale.

Durante gli scavi si trovarono le strutture murarie di un edificio di epoca romana, all’interno del quale si scopri un piccolo tesoro di monete romane.

Le ricerche hanno evidenziato i vari periodi di costruzione della chiesa che originariamente era una piccola area rettangolare (sec. VII-VIII) poi fu ampliata nel sec. XI e XII e modificata nel sec. XIII. A tale data risale la torre campanaria che in origine era una torre di vedetta della nobile Famiglia Cucanea.

La facciata e a sporgenze con portico e agili guglie. Le porte d’ingresso contengono bassorilievi in bronzo di Leone Morandini e raffigurano l’Antico e Nuovo Testamento. L’interno ad un’unica navata ha un imponente altare maggiore barocco, con statue laterali dei Ss. Pietro e Paolo, e nella nicchia l’Assunta in mosaico del Biagetti.

Un magnifico altare ligneo di Giovanni Martini del 1522 già nella Chiesa di San Pietro degli Slavi, ora qui trasportato. Ha due ripiani: in quello inferiore con le statue di S. Pietro al centro e ai lati i Ss. Giovanni Battista e Giacomo, in quello superiore quella della Madonna con Bambino al centro con ai lati quelle di Ss. Elena e Maria Maddalena.

Della vecchia chiesa rimangono un affresco del 1517 di Francesco Nasocchi raffigurante l’Ultima Cena. Un altro affresco con la Pentecoste, è attribuito a Francesco Floreani (1509 c.). Nella parete destra il portale dei primi del ‘500 di Bernardino da Bissone.

Inoltre conserva una Crocifissione del ‘600, una pala con la Sacra Famiglia del sec, XVIII, ed una con i Ss. Giovanni Evangelista, Giovanni Battista e Giorgio. Alla parete destra si vede il portale scolpito agli inizi del ‘500 della precedente chiesa.

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project