Cerca nel sito

 

 

 

Home > LocalitÓ > Comuni > Trieste > Storia > I Francesi a Trieste

 

Trieste - I Francesi a Trieste

I francesi giunsero a Trieste il 23 marzo 1797, Gioacchino Murat, non smentendo le usanze francesi nella nostra regione, requisì la cassa del Comune e se ne andò. Il giorno dopo i Francesi comandati dal generale Dugna occupano la città che fu sottoposta ad una grossa taglia di guerra. Il 29 aprile arrivò Napoleone Bonaparte che pernottò nel palazzo Brivido. Il giorno dopo esonerò solo una minima parte di cittadini dall’imposta taglia di ventimila fiorini. 

Il 17 ottobre 1797 L’Austria, dopo il trattato di Campoformido, rioccupò Trieste sino al 19 novembre 1805, quando ritornarono i Francesi, i quali cambiarono spesso i comandanti. Ognuno che arrivava, salassava la città. Giunse prima il generale Sdoligna che impose il pagamento di sei milioni di lire tornesi. Si fece regalare duecentomila franchi promettendo di adoperarsi per la diminuzione della taglia. Arrivò poi il generale Massena che accordò infatti la riduzione della taglia ma si fece dare uno dei tre milioni ridotti, e intanto a Palmanova nelle carceri languivano gli ostaggi cittadini trattenuti sino a che il debito non fosse pagato. 

L’anno seguente a gennaio il generale Marmont promise di non far sentire il gravame dell’occupazione militare in cambio di un dono a lui di due milioni. La città questa volta non cedette, ma ne risentì talmente per le requisizioni militari che alla fine dovette addattarsi a quanto voleva il generale. 


Cosicché quando il 4 marzo 1806 i Francesi abbandonano un’altra volta la città, essa aveva pagato tributi, che si aggiravano ad una somma di oltre dieci milioni. Ritornò l’Austria dal 4 marzo 1806 e vi rimase sino al 18 maggio 1809. Quindi di nuovo i Francesi. La città fu occupata dalle truppe italiane comandate dal principe Eugenio. Trieste fu unita al Regno d’Italia napoleonico e l’occupazione durò dal 18 maggio 1809 al 25 ottobre 1814. Quando i Francesi se ne andarono definitivamente, lasciando come ricordo un salasso di oltre cinquanta milioni.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

<<< PRECEDENTE                                                                                           SEGUENTE >>>

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project