Cerca nel sito

 

 

 

Home > LocalitÓ > Comuni > Valvasone Arzene (PN) > Storia > Storia di Valvasone

 

Valvasone Arzene - Storia di Valvasone

Valvasone, capoluogo del comune di Valvasone Arzene in provincia di Pordenone, viene citata in documenti già nel 1206 come de Walveshon e nel 1213 de Valveson. La prima parte del toponimo potrebbe venire dal medio alto tedesco wal che vuol dire “rialzo, altura, cumulo di terra”, la seconda forse risale all’antico alto tedesco waso, “prato” quindi il toponimo significa: prato con cumuli di terra o simile.

Valvasone fu completamente allagata dall’acqua nella piena del Tagliamento del 1450. Nel 1499 sostenne validamente l’assedio dei Turchi, che avevano invaso per la terza volta il Friuli.

I Valvasone vissero giorni di splendore, nella tranquillità del dominio veneziano. Una certa fama acquisì, tra gli altri suoi membri illustri, il letterato Erasmo di Valvasone (1523-1593) autore de “L’Angelide” e “La caccia”. Nel 1782 si ebbe il transito di papa Pio VI, in viaggio per Vienna.

I conti ospitarono anche Napoleone dal 16 al 18 marzo 1797, nella “camera bianca”, dove stese i piani per il passaggio del Tagliamento. Dal 13 al 15 novembre del 1805 fu ospitata anche l’avanguardia del generale Massena.

Dopo la parentesi napoleonica il paese rimase sotto il dominio austriaco sino al 1866 quando venne annesso al Regno d’Italia.

Valvasone oggi è un centro dedito all’agricoltura e in special modo alla viticoltura, ma non mancano aziende artigianali e commerciali.

Il 1 gennaio 2015, a seguito del referendum del 28 settembre 2014, il comune si è fuso con Arzene dando vita al comune di Valvasone Arzene.

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project