Cerca nel sito

 

Tarvisio (UD)

Tarvisio - Storia

Tarvisio, comune in provincia di Udine, è un centro industriale e commerciale ma soprattutto un'importante località di villeggiatura estiva e di sport invernali. Sorto nel punto in cui oggi si incontrano i confini d’Italia, Austria e Slovenia.

Gli insediamenti umani nel territorio di Tarvisio sono antichi. Il toponimo va ravvicinato al gallico Tarvos “toro” e ai Taurisci, popolazione antichissima abitante nelle Alpi in epoca preistorica. Questa presenza viene testimoniata dai numerosi rinvenimenti di selci scheggiate presso i laghi di Fusine e Cave del Predil.

A Tarvisio e anche in località Camporosso esistono poi varie testimonianze dell’età romana. Nel Medioevo il territorio è raramente menzionato. Solo nel 1319 compare il nome di Tarvis ma in riferimento all’attuale Rio Bortolo.

Agli inizi del Quattrocento il luogo è ricordato per l’industria del ferro, simboleggiata dalle due chiavi incrociate nello stemma comunale. Nel 1426 Rinaldo degli Albizzi la ricorda come uno dei luoghi dove si poteva alloggiare durante il valicamento delle alpi. Nel 1456 il Vescovo di Bamberga concedeva una fiera annuale divenuta poi famosissima. Il finire del Quattrocento vide il ripetuto passare delle orde turche, soprattutto tra il 1478 e il 1492. Seguì un periodo di pace.

Verso il 1550 comparve a Tarvisio la famiglia von Rechlach che gradualmente assunse un ruolo importante nella vita della Val Canale. L'imperatore Carlo V, "defensor Ecclesiae”, il 20 ottobre 1532, proveniente da Vienna, pernottò a Tarvisio con le sue schiere e qui volle fosse celebrato un ufficio religioso. Una statua nella chiesa ricorda l’avvenimento.

Verso il 1759 cessò su Tarvisio e sulla vallata la signoria di Bamberga. Il territorio fu d’allora direttamente amministrato dall’Austria. La zona fu teatro di battaglie in epoca napoleonica (1797, 1809, 1813).

Il 30 ottobre 1879 viene inaugurata la linea ferroviaria Udine-Pontebba-Tarvisio-Vienna, detta Pontebbana. L’apertura della stazione favori lo sviluppo della cittadina, che da questa data vide il formarsi del Borgo di Tarvisio Centrale, abitato perlopiù da ferrovieri e dalle loro famiglie. Il paese ricevette un ulteriore forte impulso subito dopo la prima guerra mondiale essendosi venuto a trovare nella zona di frontiera in un periodo di traffico internazionale in continua espansione.

Il comune di Tarvisio fu assegnato alla provincia di Udine nel 1923 e d’allora la sua importanza e via via cresciuta, soprattutto per la posizione di confine. Gli sport invernali aumentarono le possibilità turistiche, fino a fare di Tarvisio uno dei principali poli sciistici della regione Friuli Venezia Giulia.

 

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project