Cerca nel sito

 

Schede di approfondimento

Sagrado (GO)

Sagrado - Storia

Il toponimo Sagrado, comune in provincia di Gorizia, deriva da sagratum “sagrato di una chiesa”. Le prime notizie risalgono al 1130. Il paese fu feudo dei Strassoldo e dei della Torre, e segui le sorti di Gradisca d’Isonzo appartenendo prima a Venezia, e poi all’Austria.

Prima della Grande Guerra 1915-18 era un centro stradale e ferroviario molto importante, perché il confine fra i due stati passava tra Fogliano e Sagrado ed ancor oggi è segnato da un cippo monumentale.

Durante la prima guerra mondiale Sagrado e in particolar modo la frazione di Poggio Terza Armata, così chiamata in onore della Terza Armata che combatté strenuamente sulle pendici del Monte San Michele, fu teatro di cinque Battaglie dell’Isonzo.

Nei bollettini di guerra dell’epoca vennero spesso citate le zone di Castelnuovo, Bosco Cappuccio, Trincea delle Fraschie, Cave di Pietro, Valisella di S. Martino, Valle della Morte, ecc.

Il 5 gennaio 1921 Sagrado viene ufficialmente annesso al Regno d’Italia con i territori della Venezia Giulia e dalmati, a seguito della legge n. 1778 del 19/12/1920 e il 12 gennaio 1927 il suo territorio contribuisce a formare la nuova provincia di Gorizia.

All’indomani dei duri giorni della Seconda Guerra Mondiale, il confine orientale subì varie modifiche. Nel 1947 a Sagrado erano state aggregate varie porzioni di territori, parti di comuni che erano stati ceduti alla Jugoslavia. Con il 15 febbraio 1951 questi territori vengono riassegnati nella formazione dei comuni di Savogna d’Isonzo e Doberdò del Lago.

 

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project