Cerca nel sito

 

 

 

Home > LocalitÓ > Comuni > Pozzuolo del Friuli (UD) > Storia > Le origini preistoriche

 

Pozzuolo del Friuli - Le origini preistoriche

Nelle campagne vicine alla località di Sammardenchia, a 2,5 km dal capoluogo di Pozzuolo del Friuli, per merito degli scavi condotti dal Museo Friulano di Storia Naturale dal 1985, si è trovato un importante sito neolitico.

Viene considerato il più vasto insediamento dell'epoca conosciuto in Italia, da dove si sono raccolti circa 300 reperti di manufatti in pietra costituendo una delle collezioni più ricche e meglio studiate sul territorio italiano.

Nella campagna di scavi 2001 si è scoperta un palizzata neolitica che cingeva uno dei villaggi preistorici che occupavano l’area di Sammardenchia dal 4500 al 3800 a.C.

A Pozzuolo esistono i resti di due castellieri uno detto Ciastiei e l’altro Culine, nei quali è stato rinvenuto materiale che porta ad ipotizzare l’esistenza di un prolungato insediamento preistorico che va dalla fine dell’età del bronzo alla successiva età del ferro. Attorno al primo secolo sul luogo sorse una villa.

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project