Cerca nel sito

 

 

 

 

Udine - Chiesa di Sant'Antonio Abate

La chiesa di Sant’Antonio Abate si trova in Piazza Patriarcato a Udine, al fianco destro del Palazzo Patriarcale, ed è attualmente sconsacrata.

Qui vi erano delle case presso cui abitavano dei monaci devoti a Sant’Antonio e che assistevano gli appestati. La chiesa fu fondata, dal patriarca Nicolò da Lussemburgo che pose la prima pietra il 24 ottobre 1354, su impulso del fiorentino Ciotto degli Abati, proprio per questi monaci ospedalieri di S. Antonio di Vienne (città della Francia): si tratta del primo ordine ospedaliero medievale.

Udine_-_Chiesa_di_SantAntonio_Abate-2.gif

All’estinzione dell’ordine fu compresa nella mensa patriarcale. Nel 1458 fu proposta come possibile sede per l’insediamento dei Servi di Maria che volevano stabilirsi in città. Venne ristrutturata architettonicamente nel 1733, con l’elegante e bella facciata, opera di Giorgio Massari. Fino al 1866, il giorno di Sant’Antonio, il corpo dei pompieri della città partecipava solennemente alla messa che qui si teneva.

La facciata è in marmo bianco ripartita da quattro colonne. Sopra il portale un busto del patriarca Daniele Delfino opera del 1737 di Giovanni Maria Morlaiter Nella nicchia sinistra una statua raffigurante la Carità e nella nicchia destra la Giustizia. All’interno del timpano frontale si trova Stemma del Patriarca Delfino retto da putti. Le statue alla sommità sono: a sinistra S. Ermacora; al centro S. Antonio Abate; a destra S. Fortunato. Tutte queste altre statue, compreso lo stemma e i putti, sono opere mirabili dovute all’insigne scultore veneziano Antonio Gai.

Udine_-_Chiesa_di_SantAntonio_Abate.gif

Il sagrato della chiesa di Sant’Antonio Abate è recintato da una balaustra con cancello, sul quale ci sono delle statue che rappresentano i Quattro Evangelisti. L’interno è stato recentemente restaurato e trasformato in uno spazio in cui tenere delle mostre sia di arte sacra che di altro tipo.

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project