Cerca nel sito

 

 

 

 

Cordovado - Palazzo Freschi-Piccolomini

Palazzo Freschi-Piccolomini si trova all’interno dell’antica cerchia murata, nel centro del comune di Cordovado, in provincia di Pordenone. Qui, nel luogo dove sorgeva il castello e il borgo fortificato, durante il Rinascimento e nei secoli successivi sorsero diversi edifici.

Nella seconda metà del Seicento, tra il 1669 e il 1704, sfruttando anche alcuni fabbricati del castello, venne edificato questo palazzo dalla nobile familgia Attimis, che stava acquisendo una posizione di potere in città. L’edificio ha le forme classiche della villa veneta.

Per asse ereditario agli Attimis successero i membri della famiglia Freschi di Cuccanea. Nel 1820, Carlo Sigismondo Freschi fece abbattere le mura verso il borgo, dando luce alla facciata principale e creò il parco nell’area verso la campagna.

Tutto il complesso subì poi dei rimaneggiamenti, con la demolizione di alcuni rustici annessi e poi con delle modifiche nell’ala sud-orientale, realizzando dei corpi di stile neorinascimentale con influssi classicheggianti. Nel 1941 passò di proprietà alla famiglia Piccolomini di Siena che ne è tuttora proprietaria.

La villa è circondata da un giardino ed immersa nel verde. Degno di nota però è il parco che si esende fuori da quelle che erano le mura del borgo. Fu ideato e progettato, come detto, nel 1820 da Carlo Sigismondo, ispirato dagli influssi romantici del tempo.

Ci sono vari rilievi, sette piccoli colli e dislivelli, incrociati da sentieri che, unitamente alla sapiente scelta delle specie arboree, fanno apparire il parco molto più vasto di quello che è in realtà. Alcuni elementi sono stati compromessi dal passare del tempo o da esigenze contingenti. Così il laghetto ricavato nel fossato castellano, il labirinto al sommo di una collinetta e un’altra collinetta, disseminata da elementi lapidei romani, utilizzata in passato come ghiacciaia.

Nel giardino antistante Palazzo Freschi-Piccolomini, troviamo dieci carpini disposti a forma di cuore che hanno sostituito i platani originali e che segnavano il percorso per le carrozze degli ospiti. Nel parco sono presenti come specie la Magnolia Grandiflora, l’acero giapponese, il platano orientale, Sophora Japonica e Morus Alba.

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project