Cerca nel sito

 

 

 

 

Pasian di Prato - Chiesa della Madonna dei Roveri

La Chiesa della Madonna dei Roveri è una chiesetta campestre che si trova in località Colloredo di Prato, nel comune di Pasian di Prato in provincia di Udine. In orgine era intitolata a Santa Maria ed a Santa Elisabetta e poi alla Madonna del Rosario. Secondo la tradizione e dai documenti storici sorse verso il 1458, ad opera di maestranze friulane.

Aveva beni propri e trovava qui sede una confraternita di Santa Maria, come riporta uno scritto del Patriarca Daniele Delfino datato 15 luglio 1737. Anche se la tradizione dice 1535, venne rifatta completametne nel 1626 per ordine del Patriarca Antonio Grimani, in seguto al danneggiamento per agenti atmosferici. Della vecchia chiesa fu salvato solamente il presbiterio.

Una visita del 1670 del Patriarca Dionisio Delfino la trova in buono stato. Il parroco Francesco Bassi decrive la presenza di due altari fino al 1680, mentre nelle descrizioni successive si fa menzione di uno solo. Avvene nel 1783 che per volere di Mons. Arcivescovo Giangirolamo Grimani la dedicazione fu spostata alla seconda domenica di luglio.

Il parroco don Francesco Cossaro fu autorizzato ad ampliare di 5 metri l’aula per far fronte alle necessita di culto. I lavori furono finanziati dalla comunità e il 4 ottobre 1895 ci fu l’inaugurazione della nuva chiesa. Fu restaurata nelle parti relative agli infissi e alle grondaie nel 1912 e dovette essere riconsacrata nel 1915 perché occupata da militari diretti al fronte. Ulteriori lavori si ebbero nel 1946, nel 1950 e nel 1959 per la copertura del tetto, fino alla recente ritinteggiatura del 1984.

La facciata della chiesa della Madonna dei Roveri e semplice sormontata da una monofora campanaria. L'ingresso è sormontto da coro ligneo e l’interno è ad aula rettangolare con abside quadrata con volta a crociera. L’altare è seicentesco e fino al 1988 ospitava una pregevole statua lignea rivestita di seta della Madonna con il Bambino, opera del 1490 di Domenico da Tolmezzo.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project