Cerca nel sito

 

 

 

 

Trieste - Palazzo Stratti

Situato a Nord-Est di Piazza Unità d’Italia di Trieste, fu costruito nel 1839, su commissione del negoziante di origine greca Nicolò Stratti, che voleva gareggiare in bellezza e importanza con quello fatto erigere da Carciotti e che da alcuni decenni era il primo palazzo delle rive. La scelta dell’architetto per il progetto si indirizzò quindi su Antonio Buttazzoni, che era considerato tra i più stimati della città.

Divenne nel 1846 di proprietà delle Assicurazione Generali. Il palazzo subì alcuni cambiamenti nella facciata verso la piazza, inizialmente uniforme, compiuti su progetto di Andrea Seu, Eugenio Geiringer e Giovanni Righetti. Questo perché in origine la facciata principale era considerata quella verso il Passo di Piazza, dove c’era il cuore pulsante della città e dove sorgeva il Teatro, seguito di lì a poco, come sapeva il progettista, dal Tergesteo. Ignorava ovviamente il Buttazzoni lo sviluppo che avrebbe avuto la piazza negli anni seguenti.

Trieste-Palazzo-Stratti.jpg

Nel 1872, dopo le modifiche apportate dal Seu, si pensò un nuovo restauro del palazzo, per meglio inserirlo nello stile che la piazza stava andando assumendo. Geiringer e Righetti trasformarono radicalmente la facciata conferendogli l’attuale aspetto eclettico e aggiungendo i festoni e le statue.

Tipica costruzione ottocentesca triestina, l’edificio oggi si presenta formato da un corpo centrale e due corpi laterali ripartiti con lesene che terminano con delle statue anteposte alla facciata, nell’ultimo piano.

Sulla cima del corpo centrale è posto un gruppo statuario che rappresenta Trieste circondata dalle allegorie di Fortuna e Progresso (rappresentante la locomotiva che Stephenson fornì all’Austria nel 1937), opera dello scultore veneziano Luigi Zandomeneghi. Termina in alto con delle balaustre in pietra che riprendono il motivo dei balconi sottostanti.

Ospita fin dalla sua costruzione uno dei più noti ed antichi caffè della città: il Caffè degli Specchi, oggi completamente rinnovato, dove si sorbiva il buon caffè che ha fatto la fortuna della città divenuta capitale europea del prodotto.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project