Cerca nel sito

 

 

 

 

Trieste - El Tram de Opcina

Una canzone tra le più popolari del repertorio popolare triestino ricorda proprio un fatto legato al Tram di Opicina. La famosa canzone “El tram de Opcina” in una strofa, canta un fatto che fece assai scalpore. Infatti, dopo un solo mese dall’inaugurazione, il 10 ottobre verso le 7 del mattino, si ruppero i freni del tram sulla discesa di Scorcola, facendo schiantare la carrozza, dopo una folle corsa di 200 m, contro una casa che era presso la linea, distruggendola quasi completamente. I tre unici passeggeri saltarono giù dalla carrozza in corsa, lasciando ferito solo il “povero frenador” Antonio Sossich, che si ruppe una gamba ma salvò la vita. Racconterà la sua famosa vicenda fino alla bella età di 101 anni!
Francesco Spehar, padrone della casa distrutta, la ricostruì con i soldi dell’assicurazione, rinnovando al primo piano anche l’attività di famiglia: l’Antica Hostaria Spehar.

Ecco il testo completo della canzone: 

EL TRAM DE OPCINA

(LA BORA)

 

E anche el tram de Opcina xe nato disgrazià

vignindo zò per Scorcola una casa'l ga ribaltà

Bona de Dio che jera giorno de lavor

che dentro no ghe jera che'l povero frenador

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

 

Co'l due se va a Servola, co'l quatro in Arsenal

col sie se va a Barcola, col zinque in Ospedal

con l'uno in zimitero, co'l sete a la staziòn

co'l nove in manicomio, co'l diese in canòn

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

 

E anche ste mulete tute mate pe'l capèl

le zerca de acompagnarse a quelche bel putèl

ma co i riva a casa se senti un gran bordèl

e pare, mare e fia copa simisi co'l martèl

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

 

L'Italia ga pan bianco, la Francia ga bon vin

Trieste ga putele tute piene de morbìn

Carbòn ga l'Inghiltera, la Russia ga cavial

e l'Austria ga capuzi che no se pol magnar

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

E come la bora che vien e che va

i disi che'l mondo se ga ribaltà

 

E anche ste mulete xe nate carigade

le tira zo le cotole per meterse le braghe

le fuma come cogome, le legi el Grand Hotel

e pare, mare e fia copa simisi co'l martèl

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project