Cerca nel sito

 

 

 

 

San Daniele del Friuli - Chiesa di Sant'Antonio Abate

La Chiesa di Sant’Antonio Abate si trova a San Daniele del Friuli, in provincia di Udine. Posta a pochi passi dal Duomo, viene nominata per la prima volta già nel 1308 e risultò danneggiata dal terremoto del 1348. Nel 1441 fu ristrutturata, aggiungendo l'abside e la sacrestia, ma mantenendo la struttura a capanna con navata unica. Nel 1470 alcuni lavori interessarono la facciata, Dopo il terremoto del 1976 l'edificio fu restaurato.

Lo stile è gotico-veneziano, con facciata in pietra d’Istria in cui spicca un ammirevole rosone ad archetti intrecciati, al centro del quale c'è una Madonna con Bambino, e con uno dei primi esempi in regione di vetrata a mosaico. Nella lunetta dell'elegante portale, al centro San Giovanni Battista e ai lati i Santi Antonio Abate e Antonio da Padova.

San-Daniele-Chiesa_di_S._antonio_ab.gif
Disegno della Chiesa di S. Antonio Abate

Nell'interno, ad una navata, conserva oltre a due cicli di affreschi di Vitale da Bologna della fine del trecento, il più bel ciclo d'affreschi rinascimentale che il Friuli possegga, motivo per cui viene detta la "Sistina del Friuli". È un capolavoro del pittore Martino da Udine, meglio conosciuto come Pellegrino da San Daniele, che vi lavorò in varie riprese tra il 1497 e il 1522.

Sono raffigurati: nelle vele dell'abside Cristo, Evangelisti, Profeti ed Angeli (1498); nella parete di fondo la Crocifissione; nel presbiterio Dottori della Chiesa, Profeti, Annunciazione. Tutti sono stati (tutti dipinti tra il 1514 e il 1520). Alle pareti: scene della vita di Sant'Antonio Abate; Lavanda dei piedi; Discesa al Limbo.

Ai lati dell'arco trionfale si trovano a destra rappresentati i Ss. Cristoforo, Lorenzo e Stefano, mentre a sinistra Sebastiano, Michele e l’Allocuzione di Sant'Antonio Abate. La chiesa di Sant'Antonio Abate è attualmente sconsacrata ed utilizzata per manifestazioni culturali.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project