Cerca nel sito

 

 

 

 

Pagnacco - Castello di Fontanabona

Sul colle di Fontanabona, borgo nel comune di Pagnacco, in provincia di Udine, il cui nome si deve ad una sorgente che sgorga nella piazza del paese, si trova un castello che oggi ha le forme settecentesche di una villa padronale. Del castello tardo-medievale si conservano resti della cinta muraria, nonché delle precedenti costruzioni.

Forse il primo nucleo fortificato risale all’epoca longobarda. Fu poi consolidato come castello nel XII secolo e citato per la prima volta in un documento del 15 aprile 1126. Nel 1196 si nomina un Corrado di Guttenbrunnen (Fontanabona) ed in seguito Dierico di Fontanabona, ai suoi tempi apprezzato per le sue doti diplomatiche, che fu fra gli arbitri nella giornata del 27 gennaio 1202 nella chiesa di S. Quirino a Cormòns per ristabilire la pace nel Friuli.

Nelle lotte nobiliari del Trecento la famiglia affidò il castello agli Udinesi che vi posero una guarnigione. Ma questo fu assaltato dai Gemonesi e Tolmezzini e subì un feroce saccheggio. Dopo pochi giorni passò, per trattative, a Tristano Savorgnan che vi pose i suoi armati. Lo riebbero poi i Fontanabona dopo varie liti con il Savorgnan e con gli Udinesi (1412).

Con l’arrivo della repubblica di Venezia, i Fontanabona si trasferirono a Udine il 13 maggio 1421 e furono accolti dalla cittadinanza, divenendo membri del Parlamento. Nel 1457 il doge Francesco Foscari rinnovò l’investitura alla famiglia dei Fontanabona, che si estinse nel 1587. Ritornando tra i possedimenti dogali, nel 1609 la Repubblica lo vendette al nobile card. Francesco Mantica, che lo lasciò alla propria famiglia. Nei secoli XVII e XVIII al castello furono apportati rifacimenti che lo trasformarono nelle forme attuali.

Nel 1819 passò dai Mantica ai Valentinis Mantica e tramite eredità di linea femminile a varie famiglie, fino a quando nel 1969, il complesso fu lasciato in eredità alla regione dall’ultimo proprietario: Raimondo Capsoni de Rinoldi.

La villa-castello odierna si presenta su tre piani e si affaccia sul Cormôr. Le parti originali del castello, ancora visibili, si si trovano verso nord e nel muro di cinta che delimita il giardino e ad alcune parti murarie del corpo centrale. Conserva annessa una pregevole la cappella gentilizia e lo circonda un ampio parco.

Attualmente il castello di Fontanabona è una residenza privata e non si può visitare se non in alcuni giorni tra il 25 aprile e il I maggio.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project