Cerca nel sito

 

 

 

 

Malborghetto-Valbruna - Il forte Hensel

Il Forte Hensel si trova a Ugovizza, località del comune di Malborghetto-Valbruna in provincia di Udine. Sorge su un rilievo attraversato da una galleria dell’autostrada A23 Udine-Tarvisio, in posizione dominante sulla vecchia strada che conduce in Austria.

 

Monumento al Capitano Hensel (Foto Wikipedia)

Durante le guerre napoleoniche, per bloccare l'accesso alla Carinzia attraverso le Valli del Fella e del Isonzo, venne deciso dall’Arciduca Giovanni nel 1808 di costruire delle fortificazioni militari. Per la difesta della valle dell’Isonzo, venne costruita quella presso il Passo del Prediltra le località di Cave (Raibl) e Bretto di Sopra (Strmec). Per la difesa della Valcanale, venne costruita quella presso Malborghetto: il forte Hensel. Il nome deriva dal direttore dei lavori, il capitano ing. Friedrich Hensel.

Nonostante la sollecitudine con cui si portò avanti la costruzione, l’opera non era ancora terminata quando il 15 maggio 1809, venne assaltata dalletruppe francesi, che muovevano in direzione di Tarvisio. Al suo interno si era asseragliata una piccola guarnigione in ritirata, comandata dallo stesso capitano Hensel, che morì il 17 maggio, nella vana difesa.

I Francesi, conquistato il forte Hensel, cominciarono subito a rinforzarlo, nella certezza di un tentativo di riconquista da parte austriaca. Ed infatti, nel luglio di quello stesso anno 600 volontari attaccarono il forte per riprenderlo. I vari assalti furono però vani e gli Austriaci vennero respinti con molte perdite.

Francesi lasciarono il forte Hensel nel 1811, ma gli Austriaci non reputarono più così importante, lasciandolo ad un lento declino. Nel 1847 fu qui eretto un monumento a memoria del Capitano Hensel, per volere dell’imperatore Ferdinando I, con la scritta in tedesco: “a ricordo dell’eroica morte del capitano Friedrich Hensel e dei suoi compagni di lotta caduti assieme a lui”.

Dei lavori di ammodernamento furono fatti nel 1848, a seguito dei moti rivoluzionari, per rendere il forte efficiente ed in grado di ospitare una guarnigione di 800 uomini e trenta cannoni. Furono creati dei camminamenti coperti.

Nuovi lavori furono richiesti anche dal mutamento politico del 1866, quando il Friuli passò all’Italia: il forte veniva così a trovarsi molto prossimo al confine. L’ammodernamento fu richiesto anche per l’evoluzione delle artiglierie, ormai in grado di infliggere danni assai pesanti. Vennero iniziati nel 1881 e terminati nel settembre 1883.

Il forte Hensel entrò in servizio nel luglio del 1884 e risutò operativo sino alla prima guerra Mondiale. Con l’ingresso dell’Italia nel conflitto, risultando troppo esposto, fu parzialmente smobilitato per ordine del Generale Rohr.

Fu uno dei primi obiettivi delle artiglieri italiane che nel 1915 lo presero di mira con un costante fuoco dallo Jof di Miezegnot, riversando circa 2000 granate, due delle quali colpirono le cupole in ghisa uccidendo due ufficiali e 17 soldati austriaci, sepolti nel cimitero di Ugovizza.

Il 19 marzo 1916 fu abbandonato dagli Austriaci e mai più utilizzato. Negli anni tra il 1950 e il 1970 fu dichiarata zona militare e interdetta ai civili. Oggi l'accesso al Forte Hensel è vietato per il pericolo di crolli e si possono visitare, facendosi largo tra la vegetazione, solo i dintorni. Tuttavia, un accordo tra il demanio e l’amministrazione comunale intende valorizzare e restaurare il sito.

 

Bibliografia:

Cerasoli, Giorgio; Il forte “HENSEL” di Ugovizza – Malborghetto; In “Bollettino della Società Friulana di Archeologia”, marzo 2010, Anno XIV, n. 1.

De Zorzi, Romano; Friuli Venezia Giulia in tasca; 1993; A.F.A. Pubblicità, Udine

 

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project