Cerca nel sito

 

 

 

 

Fagagna - La Brunelde Domus Magna

La Brunelde Domus Magna si trova nei pressi del capoluogo del comune di Fagagna, in provincia di Udine. Anticamente qui si trovava una vedetta romana, posta in prossimità della strada che conduceva “Ad Silanos”. In seguito, nel medioevo, viene edificata una casa-torre sulla base degli antichi resti. E già nel 1208 viene citata, comparendo tra i beni di cui sono investiti di conti d’Arcano, o Tricano, come erano chiamati allora.

 

Foto di La Brunelde, Fagagna


Questa foto di La Brunelde è offerta da TripAdvisor.

La casa-torre viene ampliata nel XIV secolo, rafforzandone le mura, le palizzate e allargando il fossato. Nei vent’anni successivi al 1498 si amplia ulteriormente il complesso, volendo Giovanni Nicolò d’Arcano farne una casa di campagna e per la caccia. Qui si stabilì il ramo della famiglia d’Arcano che ancora oggi possiede l’edificio.

Restaurata negli anni Ottanta del Novecento, la Brunelde Domus Magna oggi è un elegante luogo che offre ospitalità e la possibilità di rassaporare uno charme antico.

Tra le cose rilevanti, troviamo: l’atrio, che presenta vari affreschi che riportano motti tratti dall’Eneide; la cucina, che conserva ancora la struttura antica e molte vecchie suppellettili, tra cui un meraviglioso girarrosto a peso, funzionante, risalente al Cinquecento; il corridoio delle armi; il saloncino di gusto settecentesco.

Bello lo studiolo, che conserva anche uno scrittoio e la biblioteca di famiglia. Al terzo piano, la sala magna, con dipinti quattrocenteschi e dove viene conservato un prezioso “fortepiano”.

Presso la Brunelde Domus Magna  si trova anche una cappella, dedicata a San Nicolò e costuita nel 1518 ristrutturando l’antico corpo di guardia. Qui sono sepolti alcuni megbir della famiglia Arcano Grattoni. Sono presenti anche alcune antiche reliquie. Ameno il giardino che ospita numerosi alberi da frutta, rose e fiori.

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project