Cerca nel sito

 

 

 

 

San Vito al Torre - Villa Steffaneo-Roncato

Villa Steffaneo-Roncato si trova a Crauglio, località del comune di San Vito al Torre, in provincia di Udine.

La famiglia Steffaneo ebbe in dono i terreni appartenenti al patriarcato di Aquileia nella zona di Crauglio, dalla Casa d’Austria per alcuni servigi che Nicolò I prestò agli arciducali nella fortezza di Gradisca durante la guerra con Venezia, nel 1615. Furono anche nominati baroni.

Fu così che nel 1640 gli Steffaneo decisero di costruire questa villa che venne in seguito rimodernata nel Settecento e nell’Ottocento. Nella villa fu ospitato Gian Domenico Tiepolo che lascio due dipinti nella cappella di famiglia. Esaurita la linea dinastica maschile nel 1890 con la morte di uno degli ultimi due figli maschi, la figlia di uno di questi, Marianna, sposò tale Vincenzo Pinzani. Nella Prima Guerra Mondiale fu adibito ad Ospedale Militare e vi alloggiarono anche truppe della III armata e Gabriele D’Annunzio.

I figli di Marianna e Vincenzo dilapidarono il patrimonio fino a condurre alla vendita della villa al possidente veneto Antonio Roncato nel 1925. I suoi discendenti ne sono ancora i proprietari. Sul finire della Seconda Guerra Mondiale venne occupata dalle truppe inglesi. L’edificio subì numerosi danni da questa occupazione: dall’imbiancatura di affreschi ai danni causati dalle scapre chiodate al pavimento del salone da ballo, fatto con la tecnica del terrazzo veneziano.

Villa Steffaneo-Roncato si presenta con un complesso padronale che con barchesse rinchiude un giardino verso la campagna, con altri edifici rustici annessi. Ricca d’opere d’arte, conserva alcuni interessanti e preziosi affreschi. Alcuni di questi sono scomparsi o rimangono deboli tracce. Quelli rimasti sono databili al 1770.

Nelle pareti del salone terreno si trovano sei vedute architettoniche di fantasia attribuite a Francesco Chiarottini, mentre al primo piano sono presenti due brani di soggetto storico: il Banchetto di Cleopatra e la Famiglia di Dario davanti ad Alessandro. Bellissime le decorazioni a stucco di gusto rococò attribuite a Francesco Fontebasso.

Infine, annessa una bella cappella gentilizia, decorata con varie opere, tra cui una raffigurazione dell’Assunta, nel soffitto e, entro finte nicchie, le figure a monocromo di Sant’Elena e San Nicola.

I discendenti dei Roncato si stanno adoperando da anni per un completo restauro di Villa Steffaneo-Roncato. L’edificio è privato e viene aperto al pubblico in occasione di eventi culturali.Purtroppo un incendio divampato il 15 marzo 2014 ha rovinato diverse stanze ricche di opere, tra cui la stanza del Diavolo.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project