Cerca nel sito

 

 

 

 

Gemona del Friuli - Borgo Molino

Borgo Molino si trova a Ospedaletto, località del Comune di Gemona del Friuli, in provincia di Udine. Tutte le attività di questa zona di Gemona ruotavano attorno all'Ospedale di Santo Spirito che fu edificato nel secolo XIII e i primi abitanti di Ospedaletto furono coloro che vi prestavano servizio. A poco a poco il primitivo borgo si ingrandì, favorendo il sorgere dei primi mulini, alimentati dalle acque del Tagliamento.

Essi vennero costruiti nel corso del 1300. A Ospedaletto il primo, situato davanti l'Ospedale, che risale al 1305; il secondo in località Priola nel 1311; il terzo sulla "Roya Tulmenti" nel 1312. Dei nove mulini che si trovavano in questa zona, rimane in buono stato di conservazione quello che ha dato il nome all'intera borgata, il molino Cocconi.

Questo molino è di orini tardomedievali, come gli altri della zona. Sappiamo che in questo luogo, nel 1431, Martino De Brugnis aveva in proprietà un “molino con sega”. Agli inizi dell’Ottocento, la famiglia Cocconi acquistò l’attività, ristrutturando il molino nelle forme che possiamo vedere ancora oggi.

Disposto su due piani, quando era in attività il piano inferiore era destinato alla macinazione e commercio delle farine, mentre quello superiore, costituito da due stanze era destinato ad abitazione del mugnaio. Gravemente danneggiato nel terremoto del 1976, il mulino è stato ricostruito tenendo conto del suo aspetto primitivo. Cessata l’attività molitoria, oggi è sede dell’Ecomuseo delle Acque del Gemonese.

All'imbocco di Borgo Molino è ancora riconoscibile una delle numerose fornaci di calce della zona, già documentata nel secolo XVII.

Purtroppo, il terremoto del 1976 ha fortemente danneggiato il primitivo aspetto del borgo, tanto che delle antiche case Menesini, Colussi, Stroili, Cappellai, Picco e Bovolini non rimane che l'isolata testimonianza di alcuni portali bugnati, cornici di finestre e stipiti.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project