Cerca nel sito

 

 

 

 

Gemona del Friuli - Santuario di Sant’Antonio

Il Santuario di Sant’Antonio si trova in Via Sant'Antonio a Gemona del Friuli, in provincia di Udine. Una tradizione costante fa risalire la fondazione dell'attuale convento dei Frati Minori e l’annessa cappella dedicata alla Beata Vergine delle Grazie, direttamente a Sant'Antonio da Padova, nel 1227. I documenti attestano l'esistenza della cappella già nel 1231 e la dicono consacrata il 15 marzo 1248.

Il Santuario fu ampliato una volta nel 1380 e radicalmente rimaneggiato nel 1565. Nel 1682, lo svizzero Melchiorre Widmar, in seguito qui sepolto, fece costruire la Cappella del Rosario che lui stesso affrescò. Sue sono anche le due grandi tele conservate all'interno della Circoncisione di Gesù e dell'Adorazione dei Magi.

Nel 1860 la struttura cinquecentesca fu modificata da Girolamo D'Aronco, mentre nel 1885 fu eretta una cappella dedicata a Sant'Antonio. Nel secolo scorso vennero fatti altri importanti lavori, con il rifacimento totale, nel 1931, della facciata principale. Distrutto dal terremoto del 1976, è stato ricostruito tra il 1981 e il 1987.

Internamente, oltrepassata la sacrestia attraverso una gradinata si giunge alla suggestiva cella del Santo. Si dice che questa cella fu abitata da Sant'Antonio durante la sua permanenza a Gemona. Vi sono inoltre opere di Arrigo Poz con un enorme mosaico sulla parete di fondo raffigurante il mondo e l'universo attraversati da una meteora. 

Da vedere anche: la Cappella Penitenziale, una serie di 13 finestre che propongono figure di Santi, e lo splendido rosone laterale realizzato a mosaico usando tessere di alabastro e vetro raffigurante il Cantico delle Creature di San Francesco. Il Convento ospita il Museo Renato Raffaelli e la Collezione dei numerosissimi ex voto offerti dai fedeli.

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project