Cerca nel sito

 

 

 

Home > LocalitÓ > Comuni > Cimolais (PN) > Turismo e Ambiente > Escursioni e Passeggiate

 

Cimolais - Passeggiate ed escursioni

Ascensione al Monte Cornetto (m 1792)

Durata: ore 3
Livello: escursionistico.

Per strada sino al Passo di S. Osvaldo m. 828, indi per sentiero a sin., nel bosco al Costone di Rocca m. 1355 e direttamente alla cima. Nei pressi della Casera M. Cornetto m. 1650 c’è il Bivacco F. Zanette. posto nella zona del Col Nudo (Prealpi Carniche) - Comune Erto Casso - proprietà: Comune di Cimolais - sempre aperto - incustodito - 10 posti letto.

 

Ascensione al Monte Duranno (m 2652)

Sentiero: CAI 374
Durata: ore 6.30
Livello: escursionistico per esperti - difficile.

Si risale per c. 2,7 km la strada della Val Cimoliana indi al Ponte Compòl si prende a sin. il CAI 374, si sale a Le Lastre (Bivacco CAI 358) m. 990 e poi (ore 2.30) al Ricovero Casera Lodina m. 1567, posto sul versante est del M. Lodina Gruppo del Duranno - Prealpi Carniche). Proprietà Comune di Cimolais - sempre aperto - incustodito - 8 posti letto.
S
i sale alla Forcella Lodina m. 1860 e quindi alla Busa dei Vidiei m. 1900 ed alla Forcella Duranno m. 2217 (ore 4). Dalla Forcella Duranno salita alla cima del M. Duranno m. 2652 per la via normale del canalone SO (II e III gr. ore 2.30) È la via normale più difficile dei monti del Friuli (che superino i 2600 m); la sola che richieda una calata a corda doppia lungo il suo percorso (chiodo sopra il camino di III gr.). Dalla Forcella Duranno merita la deviazione alla cresta delle Cime Centenere m. 2279, magnifico belvedere sul vicino Duranno.

 

Ascensione al Monte Lodina (m 2020)

Sentiero: CAI 358
Durata: ore 3.30
Livello: escursionistico per esperti

Si risale per circa 2,7 km la strada della Val Cimoliana indi al Ponte Compòl per CAI 374 a sin. a Le Lastre (Bivacco CAI 358) m. 990 e poi (ore 2. 30) al Ricovero Casera Lodina m. 1567. Posto sul versante est del M. Lodina Gruppo del Duranno - Prealpi Carniche). Proprietà Comune di Cimolais - sempre aperto - incustodito - 8 posti letto. Poi a SO alla Forcella Lodina m. 1860 (Bivacco CAI 374/A - ore 3). Dalla Forcella Lodina per tracce di sentiero alla cima del M. Lodina (ore 3.30) m. 2020.

 

Escursione al Bivacco Paolo Greselin (m 1920)

Sentiero: CAI 358
Durata: ore 5 c.
Livello: escursionistico

Si risale la Val Cimoliana costeggiando il torrente. Al primo Bivacco si tiene a ds. e si sorpassa una distilleria di mugolio. Proseguendo su un fondo ghiaioso si sorpassa una fornace di calce e, tenendosi sempre sul fondo della valle, si raggiunge (min. 30) lo sbocco della Val del Compol. Si prosegue sulla ds. e si supera ripidamente il boscoso Costa di Tass. Si procede in seguito lungo la Val delle Pale Floriane. In vista del Cadin si attraversa a ds. su un costone erboso in direzione del Bivacco Paolo Greselin (ore 5) m. 1920. Posto nel Cadin dei Frati nella zona della Cima dei Preti nella parte superiore della ripidissima Val Pale Floriane. Comune Cimolais - proprietà: CAI Pordenone - sempre aperto - incustodito - 9 posti letto. Proseguendo si arriva alla Forcella Duranno m. 2217 (Bivacco CAI 374).

 

Ascensione Dal Bivacco Paolo Greselin alla Cima dei Preti (m 2708)

Sentiero: CAI 358
Durata: ore 2.30
Livello: escursionistico per esperti

Per la Forcella del Cadin dei Frati (m 2228) per la via normale (I e II gr - ore 2.30). Dal circo ghiaioso a sud della Cima si raggiunge la costa est facilmente percorribile.

 

Escursione al Rifugio Pordenone (m 1249)
Sentiero: -
Durata: km 14 di rotabile + 15 minuti
Livello: Turistico

Si percorre la strada della Val Cimoliana lunga km 14, non sempre tutta transitabile in automobile, causa del fondo ghiaioso specie nella località Fontana poi in 15 minuti di cammino si giunge al Rifugio.
Da Cimolais la strada risale la Val Cimoliana costeggiando la ds. del torrente omonimo e supera lo sbocco della Val del Campoi dove c’è l’indicazione per il Bivacco Greselin. Posto nel Cadin dei Frati nella zona della Cima dei Preti (Val Cimoliana), nella parte superiore della ripidissima Val Pale Floriane. Comune Cimolais. Proprietà: CAI Pordenone - sempre aperto - incustodito - 9 posti letto.
Dalle Stalle Plan di Sediei, la strada alzandosi sul torrente si dirige verso un ghiaioso conoide della Val delle Vizze, supera il T. Cimoliana, sorpassa la cappelletta Sant’Antonio per infilare la stretta, accanto alle rapide del torrente. Superato lo spacco della Val Bevator, la gola si allarga. Varca il ponte le Grotte dirigendosi verso la muraglia del M. Bregolina al disotto del quale passa il ponte di Confoz che fronteggia la Val Pezzeda dominata dalle frastagliature del M. Turlon. La strada continua in aspro e maestoso ambiente mantenendosi sulla ds. del torrente e poi lo attraversa. Qui la valle si allarga notevolmente e, fronteggiando la Pala Grande, lascia sulla sin. lo sbocco della Val S. Maria e il sentiero per la Forca Spe e il Bivacco Gervasutti. Posto nel Comune Cimolais. Proprietà: XXX Ottobre CAI Trieste - sempre aperto - incustodito. Proseguendo la strada ripassa il T. Cimoliana su un altro ponte in località Fontana (km 9,5), procede al margine della pineta, di fronte allo sbocco della Val S. Lorenzo che culmina con il Cadin di Toro, poi ritorna sulla sponda sin. tra faggi e pini quindi e attraversa il greto sulla sin. poi a ds. su una pista ghiaiosa tra un paesaggio aspro e selvaggio sino all’imbocco della Val Montanaia in località Meluzzo (km 15). Da qui per il comodo sentiero segnalato e in 15 min. si giunge al Rifugio Pordenone m. 1249. Situato sul costone boscoso che scende dalla Cima Meluzzo, lungo la Val Montanaia, nella zona del Gruppo Spalti del Toro - Monfalconi. Comune Cimolais, località Val Montanaia. Proprietà: CAI Pordenone Tel. 0427.87300, anno di prima costruzione: 1930 - servizio di ristoro - 71 posti letto - aperto: 1/6 - 30/9. A SE del Rifugio si estende il piccolo L. Meluzzo m. 1164.

 

Ascensione dal Rifugio Pordenone al Bivacco Marchi-Granzotto (m 2130)

Sentiero: CAI 349
Durata: ore 4
Livello: escursionistico

Dal Rifugio Pordenone, oppure dal fondovalle nei pressi della Casera Meluzzo m. 1169, per la Valle Monfalcon di Cimoliana al Bivacco CAI 360 (dal Rifugio Pordenone ore 2) m. 1800, quindi per la Forcella del Leone m. 2290, si giunge al Bivacco Marchi-Granzotto (ore 4) m. 2120. Si trova al sommo della Val Monfalcon di Forni, nella zona dei Monfalconi - sempre aperto - incustodito - Caratteristiche: bivacco tipo Fondazione Berti in lamiera - acqua a pochi minuti dal bivacco, sotto la Cima Barbe - LC 12.

 

Dal Rifugio Pordenone al Bivacco Perugini - Forcella Montanaia - Rifugio Padova

Sentiero: CAI 353
Durata: ore 5 ore
Livello: escursionistico per esperti

Dal Rifugio Pordenone m. 1299 al Bivacco Giuliano Perugini m. 2060 (ore 2.30). Si trova al ridosso del campanile della Val Montanaia, nella zona dei Monfalconi Comune Cimolais. Proprietà: XXX Ottobre CAI Trieste - sempre aperto - incustodito - 9 posti letto. Quindi al Bivacco CAI 354 (Rifugio Giâf - Bivacco Marchi Granzotto) e CAI 360 (Sentiero attrezzato - “P. Tajariol”; Bivacco Perugini - Bivacco Marchi Granzotto) m. 2080, da qui alla Forcella Montanaia m. 2333 (ore 3.15), quindi si scende al Cadin d’Arade m. 1840 dove si trova il Bivacco CAI 342 per il Rifugio Padova m. 1278 (ore 5).
Il sentiero gira intorno al Campanile di Val Montanaia, una delle più celebri meraviglie delle Alpi. Dalla forcella Montanaia salita alla cima del Monfalcone di Montasio m. 2548 per la Forcella Teresa (II gr. ore 2.30) roccia friabile.
Dal Bivacco Perugini possibilità di traversare al Bivacco Marchi-Granzotto per la Forcella Cimoliana e la Forcella del Leone (CAI 360 e 349) e al Rifugio Padova per la Forcella Segnata (CAI 384).

 

Dal Rifugio Pordenone al Campanile della Val Montanaia (m 2171)

Sentiero:
Durata: ore 6.30
Livello: escursionistico per esperti - guida necessaria.

Si raggiunge la base del Campanile nei cui pressi è stato costruito nel 1962 il Bivacco Antonio Berti, risalendo la brulla e severa Val Montanaia.

 

Dal Rifugio Pordenone alla Val Meluzzo - Val di Brica - Ricovero Cason di Brica

Sentiero: CAI 379
Durata: ore 3.15
Livello: escursionistico

Si risale la Val Meluzzo e ai ruderi della Caserute dei Pécoli m. 1363 (Bivacco CAI 361, km 3 dal termine della strada della Val Cimoliana) si giunge al il Ricovero Cason di Brica m. 1745 - sempre aperto - incustodito - acqua nel rio a m. 100 dal ricovero - Caratteristiche: rustico monolocale in tronchi - LT 4 - stufa -

Escursione A Forni di Sopra per la Forcella Surtisel (m 1999)

Sentiero: -
Durata: ore 5 c.
Livello: Escursionistico - molto interessante.

Dal Ricovero Casera Valmenon m. 1778, posto nell’Alta Valmenon, cima Urtisiel (Dolomiti di Forni) - Proprietà Comune di Forni di Sotto - sempre aperto - incustodito. Si prosegue verso NO risalendo una valletta (ore 2 c.) alla Forcella Surtisel m. 1999, stretta apertura nell’aspra catena che separa la Val Cimoliana da quella del Tagliamento. Ripida discesa per una gola ghiaiosa poi per tracce di sentiero si giunge a Cason di Giàf m. 1380 ove s’incontra la via proveniente dalla Forcella Scodovacca (CAI 346) che si segue, quindi si arriva alla SS N. 52 Bis Carnica a Chirandanes m. 966 km 2 da Forni di Sopra (ore 5).

Da Cimolais a Forni di Sotto per la Forcella Dorf (m 1846) e la Forcella Lareséit (m 1752)

Sentiero: -
Durata: ore 11. c.
Livello: escursionistico per esperti - lunga e faticosa.

Fino al Ponte del Confoz come per il Rifugio Pordenone. Per sentiero un po’ difficoltoso si risale la stretta Valle Pezzeda, prima a sin. e poi a ds. del torrente. Superata la Casera della Stua m. 1590 si arriva alla Ricovero Casera Bregolina Piccola m. 1729, punto di partenza per le ascensioni nella catena Pale Candele - M. Turlon. Posto nei pressi del M. Dof nel Gruppo della Vacalizza - Postegae (Prealpi Carniche). Proprietà Comune di Claut - sempre aperto - incustodito. Superata la Forcella Dorf m. 1846 (ore 4.30) tra il M. Dorf m. 1976 a sud e la Costa Caldini a nord si scende alla Casera Col d’Agnei m. 1377 e per la Val Ciorosulin si raggiunge la Val Settimana circa km 2,5 sotto il Rifugio Fonte Pussa (ore 6.30 c.). Poi per la Forcella Lareséit m. 1752 (ore 9 c.) si giunge a ore 11 c. a Forni di Sotto.

 

 

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project