Cerca nel sito

 

Bordano (UD)

Bordano - Storia

Paese antico, nominato sin dal 1000 come Bordanum in un codice del Patriarcato di Grado. Il toponimo deriva da bordo o margine, per il fatto che posto sul margine del Monte San Simeone (m 1506).

Il paese si estende sul fianco meridionale di detto monte e su quello settentrionale del M. Naruint sino ad abbracciare un lembo del lago di Cavazzo. Bordano aveva sicuramente una funzione di controllo sul sistema viario. Doveva esserci nei pressi anche un guado della via Julia Augusta.

Nella frazione di Interneppo, in località San Martino, sorgeva un castello che dominava la zona. Probabilmente edificato sui resti di un castrum romano che era posto a difesa di una strada che, passando per Bordano conduceva a Cavazzo Carnico. Questo castello viene nominato per la prima volta nel 1245.

Bordano fu parte delle investiture della famiglia Colloredo-Mels fino a quando, nel 1506 passò nella giurisdizione della comunità di Venzone. In epoca napoleonica ebbe una sua autonomia. Nel 1914 passò a far parte della Forania di Gemona.

Il terremoto del 1976, che aveva per epicentro proprio il Monte San Simeone ha distrutto buona parte del paese e delle opere d’arte che possedeva. Oggi Bordano è famoso come Paese delle Farfalle, in quanto è stata creata qui una “Casa delle Farfalle” che consente di ammirare questi magnifici insetti in libertà.

 

 

• Viaggio in Friuli Venezia Giulia

 

Viaggio in Friuli Venezia Giulia - Tutti i diritti riservati - © Avatar Project